«Siamo alla resa dei conti. Il sospetto che in alcune commissioni le valutazioni fossero troppo rigide e poco aderenti alle tabelle ufficiali, trova conferma nella Determina Presidenziale Inps n.
24 del 13 marzo 2018, che formalizza con premi economici di risultato le performance ottenute dai medici delle Commissioni per le revoche delle prestazioni di invalidità civile. A pagina 61 dell'allegato tecnico al piano performance 2018-2020, nella tabella sugli obiettivi produttivi ed economico finanziari dei Professionisti e Medici si legge che la retribuzione di risultato per i medici è legata all'annullamento delle prestazioni dirette di malattia ed alle revoche delle prestazioni di invalidità». È quanto sostiene Luigi Scilinguo, presidente dell'Anmic Frosinone.

«A ciò -continua Scilinguo- si somma quanto riportato dal Fatto Quotidiano in merito al bonus per i medici strutturati (e solo per questi), di 20.139.098,74 euro pari ad un importo medio pagato per il singolo medico di 38.879,40 euro annui. Inoltre in tali commissioni siedono medici esterni a partita Iva il cui rinnovo dell'incarico dipende dalla valutazione dei medici strutturati, ovvero dipendenti dell'Inps, quindi dalle performance. Vi lasciamo immaginare la serenità di giudizio. Unico baluardo restano i medici di categoria, ovvero i professionisti legati alle associazioni dei disabili, che non dipendono da nessuno, che tutelano gli interessi dei cittadini ma che sono pagati 50 euro lordi a seduta (in genere di 4-5 ore), pari a 10 euro lordi ad ora, (quindi circa 7 euro netti)».
«Solo ora la Federazione nazionale dei medici se ne accorge ed interviene, nonostante l'Anmic -conclude Scilinguo- siano anni che solleva il problema e chiede riscontri. Staremo a vedere il Governo ed il neonato Ministero della Famiglia e Disabilità quali provvedimenti intenderanno adottare. Inoltre, il dubbio sulla opportunità che si accentrino in un solo Ente le funzioni dell'accertamento e della liquidazione ed erogazione delle relative provvidenze, riaffiora ed è suffragato dagli obiettivi che l'Inps si pone».