La Fiuggi Turismo Convention Bureau è una società di promozione e gestione turistica, oggi in liquidazione, partecipata da soci pubblici e privati che nei primi dieci anni di attività non aveva dato particolari risultati. Nel 2013, grazie anche all'impulso dell'allora presidente Ugo Moro, incarico svolto senza compenso, l'ente da scrl a prevalente capitale privato viene trasformato in srl a prevalente capitale pubblico, partecipata per il 67% da Acqua & Terme Fiuggi.
Dopo tale trasformazione si adotta un piano di sviluppo che prevede nel triennio 2014-2016 investimenti di ATF per 750.000 euro, 250.000 euro ogni anno, al fine di garantire una nuova e qualificata attività che risollevi il turismo a Fiuggi, ad iniziare dall'evidenza sugli organi di informazione e nelle fiere settoriali, proseguendo con l'organizzazione di eventi e ritorno turistico. Si provvede ad organizzare numerosi educational tour con testate generaliste e specializzate, della stampa e di internet, oltre ad importanti operatori turistici, in virtù dei quali Fiuggi ritorna su "Oggi", "Partiamo", "Bell'Italia" ed altre, oltre a comparire stabilmente su "Virgilio.it", "Siviaggia.it", "Guidaviaggi.it", "Ilviaggiatore.it", "MarieClaire" e sulle pagine delle blogger Zelda Was, Le Funky Mamas ed Alice Agnelli, nonché su altri siti di turismo. Attivato il nuovo sito web; stampate, presentate e diffuse le brochure "Fiuggi+DiPrima" nelle versioni generali e specifiche sul cicloturismo, sugli itinerari religiosi e su quelli eno-gastronomici, in italiano e tradotte in quattro lingue. Fiuggi torna sulla Rai nel programma Linea Verde e si garantisce la presenza e la partecipazione di Fiuggi nelle principali fiere del turismo quali la BTC di Firenze, il TTG di Rimini e la BIT di Milano. (continua)
L'intervento
«Una vicenda intrisa delle peggiori e miopi logiche che sovente hanno condannato le attività turistiche a Fiuggi. Rimane la soddisfazione per aver riavviato una società che da tempo non dava segnali di vitalità ed aver organizzato eventi di livello nazionale, promuovendo efficacemente Fiuggi. Va precisato che nel 2014 e nel 2015 ATF avrebbe dovuto versare 500.000 euro in luogo dei 180.000 effettivamente arrivati, quindi ha tagliato 320.000 euro mentre investiva, è notizia di questi giorni, in sponsorizzazioni sportive e gastronomiche cifre molto superiori… Non era la nostra, l'allegra amministrazione, retta invece un'azienda poi lasciata scomparire, ne parleremo ancora».