Tempo di dichiarazioni dei redditi, tempo di scelte. Anche a chi destinare il cinque per mille. Un tesoretto, stando alle dichiarazioni dello scorso anno, da 491 milioni conteso da 54.996 enti. In provincia di Frosinone, secondo uno studio condotto dalla fondazione nazionale dei commercialisti, gli enti abilitati a ricevere il cinque per mille sono 340 e hanno beneficiato di 34.518 scelte da parte dei contribuenti, con una riduzione del 4,2% rispetto allo scorso anno. Il totale ricevuto ammonta a 934.021 euro, praticamente identico allo scorso anno. In media, gli enti ciociari ricevono 2.747 euro. Pur con un numero di enti leggermente inferiore, 327, Latina raccoglie più scelte (41.936), in diminuzione in un anno dell'1,4%. L'importo è di 1.208.202 euro, in crescita del 4%. In media ogni ente riesce a ricevere poco meno di 3.700 euro. Il Lazio ha 4.527 enti abilitati per un numero di opzioni di circa tre milioni per un importo sui 95.000 euro. In media un ente del Lazio riceve 21.064 euro, la quota più alta d'Italia, davanti anche ai 16.808 della Lombardia. Grazie a i numeri forniti dal ministero dell'Economia, il Sole 24 Ore, attraverso il portale Infodata, ha stilato una classifica dei comuni più virtuosi e degli enti che beneficiano del maggior numero dei fondi dei contribuenti. Tra i beneficiari ci sono anche i Comuni che utilizzano tali somme per attività sociali. A livello nazionale si tratta di una fetta da 15 milioni di euro grazie alle indicazioni date da 547.484 cittadini. In provincia di Frosinone il primato spetta al capoluogo con 5.755 euro e 156 scelte. Poi Sora con 3.274 euro e 128 scelte, Anagni con 3.095 e 161 scelte. A seguire Esperia,con 2.997euro e 157 scelte. Il grosso dei contributi è per le associazioni. Sempre grazie a Infodata è possibile vedere, paese per paese, dove va il cinque per mille dei ciociari. A Frosinone l'associazione che riceve di più, è l'Unione italiana ciechi e ipovedenti con 24.207 euro e 1.226 scelte, al secondo posto l'Anteas con 22.627 euro e 1.240 scelte, al terzo l'asso ciazione Ami Africa con 11.291 euro e 286 scelte.
Fuori dal podio Diaconia con 10.633 e 375, Raccontando con 9.273 euro e 224 scelte.
Poi la prima associazione sportiva, la Scuola Basket Frosinone con 9.197 euro e 326 scelte.
Alla Lilt 5.798 euro (207 scelte), al Comune 5.755 (156), all'Avis 5.706 (179), all'Asd Sangiovannese di calcio a 5 5.291 (205), all'Onlus Zaiet Matteo Fontana 4.584 (207) e alla Watoto Wa Tumaini "I bambini della speranza"4.546 (131).
A Cassino il primato spetta all'Università che con 26.797 euro ottiene il contributo più alto della provincia grazie a 424 indicazioni. All'Exodus vanno 7.460 euro con 210 scelte, all'Antea 3.788 euro e 96 scelte. Al Comune 2.247 euro (101 scelte), al museo di arte contemporanea di Cassino 1.313 euro (10), al centro italiano studi per la conservazione e l'ambiente 983 euro (20) e al centro documentazione e studi cassinati 897 (16). Ad Alatri il top va alla comunità Servizio di solidarietà sociale con 12.149 euro e 503 scelte. Quindi l'associazione Insieme Alatri 4.189 e 191, l'Avis di Alatri 2.864 e 86, l'oratorio A due passi dal cielo 2.792 e 121 e Dama Africa 2.360 e 94. A Sora l'associazione Iris riceve 22.548 euro con 797 scelte, l'Avonid 18.728 e 837, gli Amici del Malawi 9.708 e 323, l'Associazione genitori disabili 7.211 e 256, San Paolo della Croce 4.746 e 197, il Centro di solidarietà l'Alberone 3.683 e 144. Ad Anagni primato all'oratorio Frassati con2.481 euro e 63scelte davantiall'associazione I diversamente abilicon 1.545 e58 e Das, diritto alla salute con 1.374 e 62. A Veroli 5.146 euro e 102 scelte all'associazione di volontari dell'Ordine di Malta, quindi l'abbazia di Casamari onlus con 4.940 e 214 e il Comune con 1.214 e 75. A Ceccano 6.142 euro e 183 scelte per Le code degli angeli davanti alla cooperativa Gea con 1.270. A Ferentino al Comune 1.896 euro e 73 scelte e all'Avis 1.836 e 63. A Pontecorvo l'associazione il Gabbiano riceve 14.712 euro.