Wi-fi gratuito ai cittadini di... Vallerotonda. Schiaffo morale ai grandi comuni: da pochi giorni il paese montano ha una distribuzione quasi totale del wi-fi utile non solo a giovani e famiglie ma anche agli anziani.

«Eh sì, ora tutti comunichiamo tramite social», raccontano i residenti storici del piccolo centro. Ed è lo stesso sindaco Gianfranco Verallo a definirlo «un servizio ormai essenziale» per un territorio a 620 metri di altezza dal mare e con poco più di 1500 anime. Ed è orgoglioso di aver "velocizzato" le comunicazioni in un'area montana estesa per 59 chilometri.

«L'obiettivo è stato quello - ha detto Verallo - di assicurare a tutti un accesso ai servizi essenziali perché il wi-fi è diventato tale e va garantito. L'unica zona scoperta, al momento, è Cardito ma stiamo vedendo come arrivare anche lì, magari con la fibra ottica. Oggi le strade digitali sono indispensabili per cui è un dovere assicurare la fruibilità a tutti i cittadini e, pian piano, cercheremo di migliorarlo».

Ed è lui stesso a raccontare la genesi del progetto. Dapprima è stata stipulata una convenzione con Cosilam/FRWireless, poi sono stati installati due hotspot per la distribuzione wi-fi nelle frazioni di Cerreto e Valvori un terzo, previsto per Vallerotonda centro, che sta trovando strategica ubicazione in località Serre.

«Questa posizione permetterà di coprire, quasi per intero, il centro storico». Ecco come funzionerà: la disposizione degli Hotspot e degli access point è stata studiata per poter permettere, a chi non è in condizione di poter accedere ai primi, di potersi collegare ai secondi, posti sul Raditto. Al fine di assicurare un buon servizio, sarà garantito sul Raditto, un flusso dati, da distribuire, pari a 50 mbps .

«È chiaro che non siamo in presenza di una fonte infinita e inesauribile, pertanto per mantenere un servizio efficace e comunque superiore a 2 mbps per tutti , sarà consigliato morigerarne l'utilizzo».

Il servizio gratuito, per il quale ringrazia i tecnici della Frosinone wireless per la professionalità, è assicurato ai soli residenti i quali, dopo aver fatto richiesta al Comune, con allegato documento di identità, riceveranno Pin personale per mezzo del quale potranno avere accesso al servizio.

E poi c'è l'orgoglio. Ed è quello di «aver strutturato un servizio, nel suo genere unico nella Regione, essenziale per alcuni e complementare per altri, comunque a disposizione gratuita per tutti».