La multa viaggia su whatsapp: potenza della tecnologia e dei social network. In modo particolare a sfruttare i nuovi media non è solamente l'assessore Benedetto Leone - indubbiamente "postatore" seriale su Facebook - ma anche la delegata all'ambiente Dana Tauwinkelovache sfrutta molto la chat di whatsapp.

Fino allo scorso 30 settembre era in vigore il divieto di bruciare anche le sterpaglie, visti i continui roghi. Ma, come per la raccolta differenziata, anche in questo campo i "furbetti non mancano". Ecco allora che alcuni attivisti, molti anche membri della consulta dell'ambiente, non appena individuano qualche anomali e qualche rogo sospetto inviano foto e posizione su whatsapp all'assessore all'ambiente. A quel ponto alla Tauwinkelova non resta che fare un clic ed inoltrare il tutto alla polizia provinciale che attiva il navigatore e si reca sul posto. Grazie a questo sistema sono state già elevate più di una sanzione, le ultime proprio nello scorso fine settimana. E siccome sistema che vince non si cambia, anche gli ispettori ambientali comunicano tramite la chat di whatsapp e finora sono state tante le segnalazioni di discariche abusive.

Ma non solo: gli ispettori denunciano anche le anomalie riguardo la raccolta differenziata. A tal proposito l'assessore all'ambiente Dana Tauwinkelova rende noto che proprio in questi giorni gli uffici stanno lavorando al regolamento della raccolta differenziata visto che, seppure sono già alcuni anni che è attivo il servizio del porta a porta, non c'è ancora un regolamento ufficiale. E intanto, sempre a proposito di raccolta differenziata e discariche, è stato inoltre potenziato il sistema di video sorveglianza con l'acquisto di foto trappole mobili che coprono l'intero territorio e in modo particolare i luoghi più sensibili, da sempre meta prefereita degli "zozzoni" di Cassino e dei paesi limitrofi.