Come anticipato, nei giorni scorsi, da Ciociaria Oggi i lavori al "Parco del Matusa" stanno entrando nel vivo. In linea, infatti, con la tabella di marcia indicata dal sindaco, Nicola Ottaviani, stanno procedendo, in questi giorni, i lavori sulla superficie di due ettari e mezzo di verde e servizi che ridisegnerà completamente l'assetto urbanistico e ambientale della parte centrale della città. Nella prima settimana di ottobre, sarà permesso, dopo la prima partita di calcio allo stadio comunale "Benito Stirpe" e la "Festa dei Nonni" del 2 ottobre e, dunque, nel weekend successivo, l'accesso ai cittadini e alle famiglie, per verificare direttamente lo stato dei lavori, attraverso un "Green day" in cui saranno illustrati gli step delle successive lavorazioni.

Naturalmente, dopo l'evento di ottobre, per motivi di sicurezza e di pubblica incolumità, sarà necessario continuare le lavorazioni senza l'afflusso dei cittadini all'interno dell'area di cantiere, per arrivare in tempo con l'apertura definitiva al pubblico, come terzo step, fissata per la prossima primavera. L'amministrazione comunale ha, inoltre, incaricato gli operatori presenti nel cantiere di ripristinare la corretta efficienza di uno dei due timer presenti in prossimità dell'area che scandiranno, anche per il futuro, i momenti più importanti delle lavorazioni.

Intanto, altri particolari filtrano su quello che sarà soprattutto l'aspetto estetico del parco. Entro oggi gli operai al lavoro termineranno di pulire la recinzione esterna e da domani, e per i prossimi giorni, si proseguirà a tinteggiare il tutto con tonalità diverse decrescenti. Ci sarà una policromia di verde sia nella parte alta, sia nella parte bassa della recinzione e alla fine, su tutto il perimetro con colori diversi rispetto al verde, ci sarà scritto "Parco del Matusa". Al termine, quello che sorgerà nel cuore della parte bassa del capoluogo, sarà un polmone verde, fortemente voluto dal sindaco Nicola Ottaviani, di quasi due ettari, in pieno centro cittadino, che riqualificherà tutto il quartiere e aiuterà il miglioramento della qualità della vita e dell'aria con piste ciclabili, camminamenti pedonali, opere d'arte, un'arena per pubblici spettacoli, alberi, spazi di verde attrezzato. Tra le idee c'è anche quella di "Arena Matusa". Un logo turistico culturale pensato come ciliegina sulla torta del Parco che sorgerà sull'area del Campo Sportivo. Un brand fortemente rappresentativo dell'identità della zona, ma anche delle potenzialità in termini culturali.

Il sindaco Nicola Ottaviani ci sta lavorando in gran segreto, ma qualcosa è filtrato dalle strette maglie del riserbo. L'idea è quella di poter ospitare manifestazioni importanti, come concerti per esempio. Potendo contenere fino ad un migliaio di spettatori, utilizzando soprattutto la tribuna. A conferma che il Parco Matusa è la priorità amministrativa del sindaco Nicola Ottaviani in questa seconda consiliatura.