Una delle opere pubbliche che in futuro dovrebbe vedere la luce (2018?) è l'area di sosta per i camper e i caravan. Un progetto, che figura nell'ultimo elenco triennale stilato e approvato dalla giunta Morini, e che l'assessore ai lavori pubblici Roberto Gizzi (Pd) non ha alcuna intenzione di abbandonare, nonostante le difficoltà incontrate più volte e che continuano ad emergere.
Il progetto
Dapprima l'idea di creare l'area vicino al bocciodromo (Giardino dello sport), con i fondi che purtroppo si sono rivelati sufficienti solo per la prima struttura; poi la seconda iniziativa che avrebbe dovuto ricevere l'ok (e i finanziamenti) dalla Regione Lazio, ma "saltata" perché su quell'apposito capitolo di spesa dalla Pisana non hanno messo un solo euro per questioni di disponibilità.
«Il progetto aveva ed ha un costo di 245mila euro e l'area immaginata dovrebbe essere un vero e proprio punto di riferimento per il mondo dei camperisti, con tutte le utenze e gli allacci a disposizione, da dove muoversi per andare a visitare il circondario. Un'area, quindi, in grado di attirare chi si muove con questi mezzi, una nuova forma di turismo per la nostra città e per la nostra zona», ha detto Gizzi.
E, dunque, come trasformare in realtà tutto questo? Stando a quanto ha affermato l'assessore, si proverà la suddivisione del progetto in due "step" distinti e consequenziali: il primo da finanziare con fondi del Gal Ernici-Simbruini per 150mila euro, il secondo con possibile investimento dell'amministrazione comunale per altri 100mila euro circa. Progetti e propositi che dovranno trovare le giuste rispondenze e le necessarie conferme, ossia la certezza dei soldi a disposizione.
Il luogo dell'area camper
E il terreno individuato per l'area camper? È sempre quello che si trova nei pressi dell'ospedale "San Benedetto", di proprietà comunale. «Non ci sarà bisogno neppure delle pratiche dell'esproprio, agiremo su un terreno pubblico, valorizzandolo», ha concluso Gizzi.