Ora le scuole della città saranno più sicure. Le associazioni di volontariato si sono messe a disposizione dell'amministrazione comunale per sviluppare un progetto attraverso il quale vigilare i luoghi sensibili della città: in primi le scuole, e poi i giardini e i vari parchi del centro.

Al momento sono 11 i volontari, già impiegati nelle Forze dell'Ordine, che dalla prossima settimana presidieranno gli istituti scolastici della città. L'annuncio è stato dato ieri nel corso dell'apposita conferenza stampa con il sindaco D'Alessandro, il suo vice con delega alla viabilità e polizia locale Carmelo Palombo, il capitano facente funzione della municipale Nardone, il presidente della commissione Gianluca Tartaglia e l'attivista Ernesto Di Muccio, già impiegato per oltre 40 anni in polizia, e da sempre in prima linea sui temi della sicurezza e della legalità.

A spiegare il progetto è stato il vice sindaco Palombo, che ha dichiarato: «I volontari faranno anzitutto da deterrente contro i malintenzionati e, pur non potendo intervenire direttamente, saranno in diretto contatto con le Forze dell'Ordine, in primis la Polizia locale». I volontari, difatti suppliranno proprio alla carenza di organico della municipale: «Noi non abbiamo pattuglie e uomini a sufficienza per sorvegliare tutte le scuole», ha difatti evidenziato Nardone. E il primo cittadino ha aggiunto: «Proviamo a ridare alla città tutte quelle regole che sono cadute nel dimenticatoio».

Quindi D'Alessandro ha rivelato: «Oltre a questo progetto, sempre per quel che riguarda la sicurezza dinanzi gli edifici, presto diventerà a senso unico la circolazione dinanzi la scuola Mattei di via Herold mentre su via Botticelli, dove c'è l'asilo, sarà installato un dosso artificiale». Richiesta quest'ultima caldeggiata dall'attivista Ernesto Di Muccio che si è detto felice di poter collaborare con l'amministrazione comunale sui temi della sicurezza e della legalità.