Un'ottava edizione che ha rotto i codici e i confini convenzionali dell'arte e ha offerto agli occhi di tutti una grande installazione fotografica site-specific, incollata sulla pavimentazione di piazza Matteotti, nel cuore della città. "Ferentino Foto Festival" è stato un successo.

Premiata l'idea del professore d'arte e artista Fabio Altobelli e del fotografo e direttore artistico del festival Fulvio Bernola.
"Nel tempo sospeso" è il titolo dell'iniziativa che ha omaggiato l'artista Vincenzo Ludovici che con la sua arte ha contribuito a far conoscere Ferentino. Fotografi e artisti sabato scorso hanno creato in work in progress un'unica grande opera e raccontato una storia che riguarda tutti «la storia di quello che è successo, di quello che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo nel tempo della pandemia - ha spiegato Bernola - È la forza dell'arte, simbolo di rinascita, capace di unire, in un progetto comune, uomini e donne».

Esposte le opere di Fabio Altobelli, Riccardo Bernardi, Fulvio Bernola, Pietro Celani, Antonio Coppotelli, Tano D'Amico, Maria Novella De Luca, Alefo Del Bosco, Andrea Del Brocco, Sandro Di Camillo, Augusto Di Marco, Damiano Fontecchia, Rea Paula Gibson, Massimo Giorgi, Vincenzo Ludovici, Diambra Mariani, Patrick Nicholas, Luciano Novo, Massimo Picchi, Emiliano Pinnizzotto, Palmiro Pro, Emiliano Recchia, Stefano Rinaldi, Laura Rossi, Roberto Ventura, Romina Vinci, Barbara Visca e Irene Zottola.