Viabilità e territorio: a migliorare la qualità delle strade verolane si aggiunge al lavoro dell'amministrazione locale anche l'impegno puntuale di quella provinciale.
Un bouquet di interventi ad ampio raggio quelli messi in campo proprio dall'ente di palazzo Jacobucci, non certo limitati alle arterie principali, ma rivolti con eguale attenzione alle zone periferiche.

Tra le strade attualmente interessate da lavori di miglioramento viario, la S.P. 224 "Ponte dei Santi Maria Amaseno" che insiste sul territorio del comune di Veroli. L'arteria, densamente attraversata oltre che dai residenti anche da circolari e pullman diretti verso la Certosa di Trisulti, è ora oggetto di interventi di ampliamento e messa in sicurezza con annessa installazione di barriere metalliche di protezione lungo la curva che guadagna il km 9+300.

Parallelamente sono in corso i lavori di bitumazione di pertinenza Astral destinati alla Via Mària in località Casamari. Potenziamento, dunque della qualità della viabilità indirizzata alle strade che conducono a luoghi turistici e di culto.

Sia la Certosa di Trisulti che l'Abbazia di Casamari richiamano un consistente bacino di fedeli e visitatori, il miglioramento delle rete stradale non può che essere un biglietto da visita positivo e un punto a favore del territorio.

«Un ringraziamento personale lo rivolgo alla Regione Lazio e in particolare all'Astral, cui è deputata la gestione stradale in Regione. Nel giro di un anno infatti, è stato rispettato l'impegno preso per il rifacimento del manto stradale della Via Mària, non soltanto lungo la zona che conduce alla storica Abbazia ma gli interventi verranno fatti in più tratti dell'arteria e in altre su tutto il territorio provinciale». Questo il commento puntuale di Germano Caperna, consigliere comunale nonché provinciale, con in mano le deleghe alla viabilità, trasporti e polizia provinciale.

Ultimo ma non ultimo per importanza, l'intervento in corso d'opera lungo la strada provinciale Ferrarelle Maniano (Castelmassimo). La zona era stata interessata da un episodio franoso che aveva ulteriormente diminuito il già limitato spazio della carreggiata.

«Un miglioramento del territorio che passa dalla sinergia tra enti, dal contributo di tutte le parti in causa perché nessuna zona resti indietro e tutto il territorio possa beneficiare di un'attenzione costante da parte dell'ufficio tecnico della provincia a cui va il mio ringraziamento per il lavoro svolto con costanza e responsabilità» conclude il consigliere Caperna.