Il quartiere di San Bartolomeo, tra i più popolosi del territorio anagnino, avrà un nuovo depuratore. Andrà a sostituire il vecchio impianto, risalente agli anni Ottanta, ormai sottodimensionato e quindi causa di notevoli problemi igienico-sanitari per le numerose famiglie che abitano nel villaggio attraversato dalla via Casilina. L'impianto, progettato da Acea, avrà finalmente dimensioni e funzioni adeguate all'espansione che il quartiere ha avuto negli anni ed eliminerà tutti gli inconvenienti più volte segnalati dai cittadini interessati, che l'amministrazione comunale di Anagni guidata dal sindaco Fausto Bassetta ha preso in carico per trovare una soluzione. Una soluzione individuata nell' impianto che verrà costruito e che prevede anche la realizzazione di nuove condotte ed altri accorgimenti tecnici all'avanguardia per favorire gli scarichi che, negli ultimi tempi, hanno provocato allarmi per l'ambiente e favorito fonti di inquinamento nella vasta zona servita dal depuratore ormai obsoleto. L'iter per la costruzione dell'impianto di depurazione è appena iniziato, sarà perfezionato con la Conferenza dei Servizi alla quale il Comune di Anagni parteciperà a sostegno di un progetto importante per il territorio, che l'amministrazione seguirà con attenzione, ritenendolo ottimale soluzione per l'eliminazione a San Bartolomeo dei problemi igienico-sanitari esistenti da anni.