Un arresto da parte dei carabinieri della Compagnia con l’accusa di tentata rapina dalla dinamica incredibile, con la vittima che conduce l’aggressore direttamente in caserma a bordo della sua auto.
La storia è veramente inusuale e vede come protagonista in negativo un 20enne di Alatri, già noto per reati contro il patrimonio e la persona. Il ragazzo non solo chiede ad un suo coetaneo che era a bordo della sua auto 40 euro per acquistare della droga, ma anche un passaggio a Frosinone dove si doveva incontrare con lo spacciatore di turno. Il conducente del mezzo che si è visto sotto la minaccia del 20enne si è però rifiutato di dare sia la somma di denaro che il passaggio a Frosinone. A questo punto però la vicenda diventa pazzesca. Infatti al giovanissimo aggressore saltano i nervi e decide così di saltare sull’auto del coetaneo. Inizia accecato dalla rabbia aggrappato al cofano a colpire con pugni il parabrezza mandandolo in frantumi. Il conducente terrorizzato per l’accaduto non ha perso lucidità, e visto che si trovava vicino la caserma ha accelerato e di fatto è arrivato dinanzi alla sede dei carabinieri. Vedendo la scena i militari della Stazione sono usciti fuori e hanno normalizzato la situazione. Il 20enne compiendo solo pochi metri è stato così condotto all’interno del comando, e subito arrestato in flagranza di reato con l’accusa di tentata rapina. Condotto in carcere oggi sarà condotto dinanzi al giudice per l’udienza di convalida. Al povero coetaneo vittima dell’accaduto non solo il trauma dell’aggressione, ma anche i danni alla sua auto.