Come immagini le auto tra 15 anni? Che cosa faresti con la tua auto se potessi? Che cosa dovrebbero fare i produttori di auto per migliorare la tua vita? Musica, social network e amicizia: se queste cose migliorano la tua vita, potrebbero anche migliorare la tua relazione con le auto? A queste domande daranno chiamati a rispondere i “millenials” ovvero i nati tra il 1980 e il 2000 in vista della seconda edizione del contest di Fca il cui bando scade domenica.

L’anno scorso furono solo le università di Cassino e Napoli a partecipare: quest’anno si aggiungono altre quattro università appartenenti alle città dove risiedono gli altri stabilimenti italiani del gruppo Fca, e per ogni ateneo ci saranno due vincitori. L’anno scorso ad aggiudicarsi la vittoria a cassino furono le studentesse di Economia aziendale Natalia Barna e Sabrina Ciriello che ieri hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione della seconda edizione alla presenza del rettore Giovanni Betta, del direttore delle risorse umane Fca D’Agresti e del professore Vincenzo Formisano.

«Questa è una sollecitazione che ci viene da Fca e dal mondo delle imprese che deve pensare al futuro quindi si rivolge ai giovani chiedendo idee» ha spiegato il rettore Betta evidenziano come i giovani sono molto attratti da questo bando che permette di svolgere un tirocinio in Fca più che di premi in denaro, tant’è che l’anno scorso i partecipanti furono circa 500. «Questo rafforza sempre più la posizione competitiva dei nostri atenei. Io in tutte le visite che effettuo presso lo stabilimento - ha spiegato il professor Formisano - vedo sempre più nostri studenti, incominciamo anche a vedere laureati in Economia. Questo è anche un invito alle famiglie del nostro territorio a non snobbare la nostra università che è competitiva e il futuro darà sempre più testimonianza di questi nostri punti di forza».