Tre aste pubbliche sono andate deserte. Adesso il Comune di Frosinone ci riprova. È stato pubblicato, martedì scorso, all’albo pretorio dell’ente di piazza VI dicembre, l’avviso pubblico per la vendita dell’immobile di proprietà comunale di via Gino Sellari che fino a pochi anni fa ha ospitato un asilo. Si parte da una base d’asta di 934.000 euro. Il termine per la presentazione delle offerte è stato fissato dal settore governance del Comune al 16 dicembre, mentre l’apertura delle buste avverrà il 22 dicembre alle 10.

Ma per l’immobile di via Sellari, al di là della procedura di vendita, nelle settimane scorse, si sono aperti nuovi scenari. A breve, infatti, potrebbe diventare uno studentato a servizio dell’Accademia di Belle Arti. La proposta viene proprio dall’Aba frusinate, che avrebbe già un progetto di ristrutturazione della palazzina che verrebbe riconvertita con alloggi per gli studenti che frequentano l’Accademia. Anche il piccolo parco, che è però di proprietà della Asl, e quindi della Regione, a servizio della struttura, verrebbe rimesso a posto e messo a disposizione dei fruitori dell’immobile di via Sellari.

La posizione è strategica, perché vicina all’Aba, e la palazzina potrebbe essere collegata al “Tiravanti” con un passaggio pedonale. La formula sarebbe quella già felicemente sperimentata per il “Tiravanti” (l’immobile rimane di proprietà comunale e con gestione da parte dell’Accademia) o della concessione di lavori pubblici testata per il “Casaleno”. In ognuna delle ipotesi è l’Accademia a farsi carico delle spese di ristrutturazione, attraverso fondi mirati da parte del Miur.

L’ex asilo di via Sellari è stato recentemente valutato dall’Agenzia dell’Entrate, dietro richiesta da parte del Comune di Frosinone, 934.000 euro (che costituisce) in base alle ultime quotazioni immobiliari. Ha una consistenza di 7.600 metri cubi e sviluppa una superficie utilizzabile di 2.097 metri quadrati, dislocata su due piani e un semi interrato. Realizzato tra la fine della seconda guerra mondiale e la prima parte degli anni ‘50, la palazzina di via Sellari è stata sede dell’Opera Nazionale Maternità e Infanzia. Nel 1978 è passata al patrimonio immobiliare del Comune di Frosinone, assieme ad altri cespiti, a seguito della soppressione dell’Ente Comunale di Assistenza.

Da allora, è stato utilizzato per le esigenze più disparate e per ultime come asilo nido e ludoteca, fino alla chiusura avvenuta nel 2008. A breve potrebbe esserci la rinascita per mano di un privato o dell’Accademia di Belle Arti.