La scorsa notte, a Monte San Giovanni Campano, i militari del NORM della Compagnia di Sora traevano in arresto per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, un 23enne con precedenti dello stesso tipo e la madre, 50enne, già censita per reati finanziari e contro il patrimonio. A seguito di attività info-investigativa, infatti, i militari procedevano a perquisizione personale e domiciliare a carico di madre e figlio, rinvenendo sostanze stupefacenti di vario tipo, già confezionate e divise in dosi, abilmente occultate dagli arrestati in vari nascondigli dell’abitazione:

- grammi 82 di marijuana; 
- grammi 19 di hashish; 
- grammi 24 di crack (80 dosi); 
- grammi 15 di cocaina (49 dosi); 
- euro 1.185 in banconote di vario taglio (quale provento dello spaccio);
- materiale vario da taglio e confezionamento.

Durante le operazioni di perquisizione, rientrava in casa il padre del giovane il quale,  all’improvviso, si scagliava violentemente contro gli operanti, procurando ad un militare lesioni tali da richiedere le opportune cure presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sora. L’immediata reazione dei Carabinieri permetteva di neutralizzare l’uomo e trarlo in arresto per violenza e resistenza a P.U.

Quanto rivenuto, veniva sottoposto a sequestro e tutti e tre gli arrestati, al termine delle formalità di rito, come disposto dall’A.G. venivano ristretti presso la loro abitazione in regime di arresti domiciliari.