Si rinnova all'insegna della solidarietà il gemellaggio che dal 1998 unisce le comunità di Ferentino e di San Severino Marche, uno dei centri più colpiti dal sisma dell’Italia centrale.

Dopo la conclusione della raccolta di beni di prima necessità organizzata dal Comune di Ferentino, dalla Provincia di Frosinone, dalla XV Comunità  montana "Valle del Liri" e dall’Aver di Ferentino, oggi i volontari della Protezione civile della città gigliata hanno recapitato il materiale alla comunità di San Severino, consegnandolo nelle mani del Presidente dell’Avis della città marchigiana Alberto Pancalletti, che tra l’altro fu l’autore, insieme al sindaco di allora Francesco Scalia, del gemellaggio del 1998. Proprio il presidente Pancalletti ha consegnato ai volontari dell’Aver un piccolo omaggio da portare a Ferentino in segno di ringraziamento per il gesto di solidarietà.

“La nostra comunità si è messa in moto in maniera importante per raccogliere materiale in favore degli amici di San Severino Marche – ha spiegato il sindaco Antonio Pompeo – a dimostrazione che la solidarietà è un valore fondamentale che va messo in campo in queste occasioni. Voglio ringraziare tutti i cittadini che in questi giorni hanno donato beni e raccolto fondi: un ringraziamento particolare voglio rivolgerlo ai volontari dell’Aver e ai volontari della Comunità Montana di Arce che si sono recati nelle Marche a consegnarli. Infine, esprimo sentimenti di vicinanza agli amici di San Severino Marche, per un gemellaggio che deve esser tale non solo nei momenti di festa e di gioia ma soprattutto in circostanze come queste legate ad un evento purtroppo negativo, il terremoto”.