La polizia sta lavorando senza sosta in queste ore per indagare e risalire all'origine dell'incendio, quasi certamente di natura dolosa, che dalle 2 della notte scorsa fino a questa mattina ha letteralmente divorato la storica discoteca sulla Casilina Sud tra Frosinone e Ferentino. 

Gli agenti stanno visionando più e più volte i filmati delle telecamere di sicurezza, che potrebbero aver immortalato l'attimo in cui è stato appiccato l'incendio. Senza escludere alcuna pista, la polizia di stato sta inoltre analizzando attentamente quello che resta dell'arredamento dell'Area Disco. A coordinare l’inchiesta è il sostituto procuratore di Frosinone, Barbara Trotta. Per ora nessuno si sbilancia, ma le modalità con cui si sono verificati i fatti fanno sospettare una matrice intimidatoria. 

Disperati i dipendenti del locale, che stamattina non riuscivano a trattenere le lacrime, così come molta gente del posto che si era affezionata negli anni al proprietario e all'ambiente festoso della discoteca. Così poco fa il sindaco di Ferentino Antonio Pompeo: «Un episodio sconvolgente e per il quale confidiamo che le forze dell’ordine facciano presto chiarezza. Il pensiero va a tutti coloro che in quell’esercizio operano».