Dopo Federico Gatti e Alessio Zerbin, ieri mattina è stata la volta di Francesco Zampano a salutare con un post pubblicato su Instagram tutto l'ambiente del Frosinone Calcio e a ringraziare il presidente Maurizio Stirpe, i direttori, lo staff, i mister, i compagni di squadra e i tifosi «per avermi dato la possibilità di giocare per questa maglia». Quattro importanti campionati tra A e B.

«Sono arrivato qui ha concluso l'ex canarino che ero ragazzino, me ne vado da uomo consapevole di avere vissuto degli anni stupendi». Tra il giocatore e la società niente divorzio ma soltanto separazione consensuale che, comunque, lascia un vuoto che non giunge inaspettato. Soprattutto nella formazione giallazzurra dopo il brillante campionato conclusosi da poco e dal canarino in maniera eccellente e, sicuramente, il migliore dei quattro che Zampano ha disputato con la maglia giallazzurra sulle spalle Al Frosinone era giunto il 16 agosto 2018 in prestito dal Pescara con la squadra di Moreno Longo impegnata in Serie A.

In quel campionato ha debuttato nella gara con l'Atalanta persa 4 a 0 te ha fatto registrare altre 26 presenze come laterale di destra del 3-5-2 praticato dal Frosinone. Dopo la retrocessione arrivata al termine di quel campionato cadetto, il club di Viale Olimpia ha quindi esercitato l'obbligo del riscatto con la società abruzzese. Nei successivi tre campionati di serie B, Zampano è stato in campo in 95 gare nel corso delle quali ha messo a segno quattro reti. Alzando il numero degli incontri disputati in carriera che sono diventati in totale 342 con 7 reti firmate. Con una breve nota il collega Nicolò Schira ha anche precisato che l'ex canarino sarebbe stato acquistato dal Venezia. Ovviamente usiamo il condizionale in assenza di notizie ufficiali.

Comunque ha destato una certa sorpresa l'acquisto del difensore da parte del sodalizio della laguna (sempre chè sia confermato) dal momento che su Francesco Zampano c'è stato in pressing il Parma del neo tecnico Fabio Pecchia. Concluso il discorso con l'allenatore ex Cremonese, il sodalizio ducale potrebbe ora tornare all'assalto del difensore per superare la concorrenza del Venezia. Comunque andrà a finire, non sono più fatti che riguardano il Frosinone che, però, ha ora anche la necessità di coprire il ruolo di esterno di difesa lasciato vagante da Zampano.

Non per niente il direttore Guido Angelozzi, nella conferenza stampa di giorni fa ha parlato di tre o quattro nuovi difensori da porre a disposizione di Fabio Grosso. Ma anche del fatto che ci sono alcuni giovani nella rosa attuale che promettono bene. Anzi il responsabile dell'Area tecnica giallazzurra ha aggiunto: «Penso che gente come Oyono (stesso ruolo di Zampano), Kalaj e Haoudi potranno fare cose buone in prospettiva così come alcuni giovani Primavera. Ma ragazzi come Gatti è difficile trovarli. Anche Boloca può fare un percorso importante se seguita sulla strada intrapresa».

E a proposito del giovane di Chieri, c'è da dire che non sarebbe sfumato l'interessamento di alcuni club della massima serie dopo le buone prestazioni del canarino nel corso dell'ultimo campionato. Il centrocampista sarebbe sempre nel mirino del Sassuolo che ha buoni rapporti con il club di Viale Olimpia grazie al direttore Angelozzi. Ma ci sarebbero anche il Torino, dove Boloca ha tirato i primi calci, oltre all'Udinese e alla Sampdoria. In pole position resterebbe il sodalizio neroverde che, per il momento, starebbe seguendo l'evolversi della situazione con un certo interesse. In definitiva dopo Gatti, Zerbin e Zampano anche Boloca potrebbe fare le valigie per un percorso d'alta quota.