Mercoledì 27 febbraio alle 18 per i concerti di Roma Sinfonietta nell'Auditorium Ennio Morricone dell'Università di Roma "Tor Vergata" (Macroarea Lettere e Filosofia, via Columbia 1) suona il trio formato da Gabriele Pieranunzi, violino, Alessandra Leardini, violoncello, e Antonello Maio, pianoforte. In programma musiche di Galante, Cilea e Mendelssohn.

Di Carlo Galante sarà eseguito il recentissimo "Terzo libro di kenning" (2018), che fa parte di una serie di brani per vari organici ispirati all'arte del kenning praticata dagli antichi bardi del nord, che consisteva nel sostituire con perifrasi spesso oscure una parola concreta. In tempi moderni è stata ripresa da Tolkien e dalla Rowling nei loro romanzi e ora il compositore trentino, di cui si ricorda il "Dies irae" del Requiem per le vittime della mafia, eseguito nel 1993 nella cattedrale di Palermo, l'ha trasferta anche in ambito musicale. Segue il Trio in Re Maggiore di Francesco Cilea, autore di opere famose come "Adriana Lecouvreur" ma anche di un piccolo numero di raffinate composizioni strumentali del massimo interesse, come questo brano del 1886. Il concerto si conclude col Trio n. 1 in re minore, op. 49 di Felix Mendelssohn, un capolavoro del romanticismo tedesco, che dopo la prima esecuzione fu paragonato da Schumann alle composizioni di Beethoven e Schubert per questo stesso organico. Lo stesso Schumann affermò che "Mendelssohn è il Mozart del nostro momento storico".

Il violinista Gabriele Pieranunzi si è imposto giovanisismo all'attenzione del pubblico e della critica, ottenendo una lunga serie di premi in importanti concorsi internazionali. La sua attività lo ha portato ad esibirsi nei principali centri musicali in Italia ed all'estero, tra cui Accademia di Santa Cecilia di Roma, Wigmore Hall di Londra, Herculessaal di Monaco di Baviera, Coliseum di Buenos Aires, Opera City Hall di Tokyo. Nel 2004 gli è stato conferito per chiara fama il posto di Primo violino di spalla presso il Teatro San Carlo di Napoli. Suona un violino Ferdinando Gagliano del 1762, appartenuto alla grande violinista Gioconda De Vito e gentilmente prestatogli dalla Fondazione "Pro Canale".

La violoncellista Alessandra Leardini svolge la sua attività nel campo del solismo, della musica da camera e dell'orchestra. Numerose le sue collaborazioni con l'Orchestra Sinfonica della Rai e l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, sotto la direzione di illustri musicisti quali Prêtre, Gatti, Sinopoli, Morricone e Nyman. Come solista ha eseguito numerosi concerti in Italia e all'estero.

Il pianista Antonello Maio è vincitore di numerosi primi premi in concorsi nazionali e internazionali. Collabora con diversi gruppi strumentalie ha tenuto concerti in Austria, Spagna, Svizzera, Israele, Messico, Turchia, Giappone, affrontando un vasto repertorio che va da Bach fino ai contemporanei.