Una voce sorana in prima serata su RaiUno: la città tifa per la maestra Maria Teresa Reale che è tra i 12 finalisti del programma di grande successo "The Voice Senior". È stata fortemente voluta dal suo coach Clementino.
Lei è emozionata, in tanti le dimostrano affetto, ma la sua prima fan è la mamma novantaquattrenne che questa sera l'applaudirà dal divano di casa. A seguire Maria Teresa in questa avventura televisiva il fratello e la cognata che saranno tra il pubblico in studio.
La sua città, Sora, è convinta che la maestra Reale possa vincere questa edizione di "The Voice Senior".

Incessante il tam tam sulle chat dei suoi beniamini mentre in città gira anche una vela pubblicitaria: un omaggio di amici, spiega la cantante sorana, che abbiamo intervistato mentre era impegnata a Milano nelle prove televisive.

Contenta di andare in prima serata su RaiUno?
«Certamente, e sono grata in primis a me stessa perché sono arrivata qui con le mie forze. Partecipare alla trasmissione è iniziato per gioco. Ero a pranzo con un'amica che mi stima molto, Grazia Di Michele, e parlando con lei mi ha spronato ad iscrivere ai provini. Scherzando e ridendo, a settembre ho mandato un video alla redazione e il 9 ottobre mi hanno chiamata e mi hanno presa. Il provino è andato benissimo, l'ho fatto a Roma, eravamo più di quattromila artisti, compresi quelli di Milano. E ora, dopo una bella esperienza fatta di musica, mi ritrovo in finale. Devo dire che ho raccolto un consenso enorme in ogni mia performance televisiva, sia nel duetto con Gigi D'Alessio, ma soprattutto nell'ultima puntata con la canzone al pianoforte "Oggi sono io" di Alex Britti, ho ricevuto una valanga inaspettata di complimenti, addirittura dall'Australia. Mi hanno scritto da ogni dove, personaggi famosi, persone che conosco e che non conosco. È bella tanta vicinanza».

Chi l'ha contattata?
«Mi hanno scritto Grazia Di Michele, Mariella Nava e anche Laura Freddi. Sono soddisfazioni. Ora il mio l'ho fatto, con le mie forze sono arrivata qui, ma se si vuole arrivare fino alla fine per vincere il programma bisogna votarmi. Ci sono due televoti, è tutto dal vivo ed in diretta. Nel primo televoto bisognerà scegliere un cantante per ogni team: siamo dodici e quindi ne rimarranno quattro che affronteranno la super finalissima».

Chi è Maria Teresa Reale?
«Ho iniziato a suonare all'età di quattordici anni con alcuni gruppi. Poi negli anni ‘80 ho cantato e suonato da sola nei pianobar, ho fatto serate. In un Capodanno mi venne a trovare Gabriele Tersigni, con il quale già avevo collaborato, e gli chiesi di andare a prendere il suo sax per darmi una mano. Iniziammo così e abbiamo continuato per trentaquattro anni. Poi lui è venuto a mancare e non ho più voluto suonare, cantare: più nulla. Mi sono concentrata sull'insegnamento. Nel 2015, con la morte di Gabriele, ho aperto "Come d'In Canto", accademia convenzionata con il conservatorio di Frosinone. Ho allievi dai 6 a 90 anni e loro mi sostengono molto».

Di questa esperienza televisiva cosa si porterà a casa?
«Il rimettermi in gioco, sono entusiasta anche perché molti in Rai mi dicono di non smettere perché sono una che riesce a trasmettere tanto. Questo programma mi ha dato la possibilità di capire che comunque riesco ancora a dare emozioni alla gente quando canto. "The Voice Senior" è un palco difficile, che fa paura, sono quasi otto anni che non canto più su un palco e ricominciare da RaiUno non è semplice. Ho anche però la forza di dimostrare che ancora valgo. Mi faccio un in bocca al lupo particolare, dicendomi tra me e me: vai e spacca. E questa ripartenza la dedico a Gabriele».

Un appello al voto?
«Sì. Ringrazio la mia città che certamente mi sosterrà e tutti quanti per la vicinanza che mi stanno dimostrando. Non me lo sarei mai aspettata. E poi ci sono i miei ventiquattro gatti che faranno il tifo per me».