I cantori della tradizione hanno sfidato la nebbia cassinate e sparso calore in ogni angolo. La "banda" della Pasquetta Epifania dell'associazione culturale "Vecchia Cassino" ha intonato canti e regalato quelle emozioni che la città segue e ama da anni ormai. Agli strumenti grandi insieme ai più piccoli per un'unica grande "comunità" in marcia per donare sapienza e armonia.

«Un'altra emozione unica grazie alla Pasquetta Epifania - ha commentato l'assessore comunale alla cultura Danilo Grossi - che ha affascinato ancora una volta grandi e piccini. Grazie all'associazione Culturale "Vecchia Cassino" per aver creato come sempre una serata unica nell'anno che ha visto una partecipazione straordinaria di pubblico. Un grazie a tutti i cantori tra cui il grande Rosario Iemma e tutti i musicisti della Banda Musicale "Don Bosco" città di Cassino per aver tenuto viva la tradizione più bella di Cassino, che quest'anno è stata ancora ancora più ricca di emozione, per il ricordo di Santino Daniele. Grazie a Gabriella Vacca e Michele Di Lonardo per i video e le foto». E proprio la dipartita di Santino ha caricato di emozione un evento già di per sé unico e, a tratti, commovente per il fascino che mantiene inalterato.

Proprio nel pomeriggio di giovedì, infatti, i funerali nella chiesa di San Giovanni hanno mostrato il grande attaccamento dei cassinati alla sua persona. In centinaia sono arrivati in chiesa per l'ultimo saluto, tra di loro anche don Giuseppe Roberti e don Luigi Maria Di Bussolo, che hanno concelebrato la funzione insieme al parroco don Giovanni De Ciantis e al vice parroco di Aquino, don Andrea Pontone. Proprio per rispetto di Santino, tra l'altro membro della Pasquetta Epifania e fondatore nel 93-94 del Corteo "Sancti Benedicti", il gruppo non ha fatto tappa dinanzi la chiesa di San Giovanni e neanche a Montecassino: è partita alle 17.30 circa da Largo Dante dopo i funerali di Santino.