È prontissima ad emozionare, a far cantare, a trascinare il suo pubblico nella magia della musica. Lo ha dimostrato già in altre occasioni e il suo entusiasmo è trapelato anche nella conferenza stampa di presentazione dei tre eventi dell'associazione Verevent per l'estate verolana, tra cui proprio quello della giovane cantante di Boville Ernica.

Un evento che è ormai arrivato e lei, Ilaria Cretaro, in arte Ilaria, calcherà il palco del Polivalente nel cuore della città ernica. Quando? Domani sera alle 21. Ilaria inizia gli studi per il suo grande amore "il canto" all'età di 10 anni. Qualche mese dopo, al fianco del suo prima manager, inizia a far sentire la sua voce sui palchi. Si diploma al C.E.T. di Mogol – divisione spettacolo musica e cultura, vince 03 concorsi canori regionali e nelle vesti di protagonista gira nei teatri con i musical "Giulietta e Romeo" su musiche di Riccardo Cocciante e "Notre Dame de Paris". Sotto contratto discografico con Beppe Carletti "Nomadi", apre concerti degli stessi in tutta Italia.

Pubblica dal 2017 vari inediti su piattaforme social mondiali presentandoli su varie testate giornalistiche nazionali. Co-fondatrice e docente dell'accademia e compagnia teatrale "Star Fusion Academy". Nel 2022 torna sui palchi con sonorità pop dance elettroniche e uno stile raggiante che la rappresenta totalmente. L'abbiamo intervistata per farci raccontare le sue emozioni.

Ci siamo. Pronti ad accendere le luci del Polivalente per il tuo concerto…
«Finalmente manca poco a questo attesissimo 26 giugno. Sono emozionata, carica. Non vedo l'ora di sentire le prime note del primo brano e di iniziare a cantare».

Come è nata questa bellissima esperienza? Il primo tour a Veroli...
«Durante la pandemia ho pensato molto ad un eventuale ripartenza . Ho sognato per tanto tempo uno show proprio come lo porterò in scena domani sera. Un grazie speciale al mio fonico Angelo Loffredi per avermi aiutata a realizzare esattamente quello che avevo scritto su carta e che avevo fantasticato per anni. Grazie poi ad Egidio Cerelli e a tutta la Verevent per aver creduto in me. Quante volte Egidio mi ha detto vai che ce la fai, il Polivalente è tuo».

Che tipo di serata sarà?
«Una rinascita. Una serata di gioia, sorrisi, divertimento puro e spensieratezza».

Sul palco non sarai sola, ci sarà spazio anche alla danza…
«Assolutamente sì. In questo progetto non poteva mancare la danza ma soprattutto non poteva mancare la professionalità di Iolanda Rocchi e della scuola Formazione Danza. È un onore condividere il palco con Iolanda, Kelli Beshtika, Pamela Verdicchio, Giovanna Zeppieri e Francesca Stirpe».

E poi una scenografia che porta una firma importante…
«La scenografia firmata dal professore Gaetano Castelli è un qualcosa che chiudi gli occhi e inizi a sognare. Sono grata alla vita per tutto ciò».

Il concerto sarà occasione anche per fare beneficenza…
«Sì, parte del ricavato andrà in beneficenza alla Caritas Diocesana Pro Ucraina. Un piccolo gesto per essere più vicini al popolo Ucraino con la potenza della musica».

Un invito ai tuoi fan?
«Mi sembra di vivere una situazione surreale. Veroli mi ha sempre accolta con immensa gioia e tanto calore, segnando tappe importantissime della mia carriera. Ripartire dalla mia gente e da Veroli è importante per me. Questa città non poteva che segnare anche questo nuovo inizio. Vi aspetto tutti domani, 26 giugno, alle ore 21 per trascorrere insieme una serata indimenticabile. Il mio cuore trema... vi adoro!».