Giulia De Lellis si prende una pausa dal lavoro e, probabilmente, dai social. Ad annunciarlo, nel giorno dell'intervista rilasciata ai microfoni di Verissimo, è la stessa influencer che, con un post pubblicato su Instagram, ha annunciato ai suoi 4,2 milioni di followers l'intenzione di prendersi una pausa. Attualmente impegnata nella promozione del libro "Le corna stanno bene su tutto", in uscita il 17 settembre, Giulia De Lellis, in futuro, ha intenzione di prendersi una piccola pausa dal lavoro per dedicarsi ai suoi affetti che non riesce a vedere come vorrebbe. Un annuncio arrivato all'improvviso e che i fan hanno perfettamente capito.

«Sono più brava a raccontarvi del bello, a dirvi di quanto io sia entusiasta per tutto e sempre. Ma c'è tanto altro. Guardando questa foto pensavo proprio a questo…Stavo malissimo quel giorno, avevo la febbre alta e la testa mi esplodeva. I miei occhi, per chi li conosce, lo dimostrano. Nonostante tutto posavo e facevo il mio lavoro, con professionalità e con un sorriso fiacco. Non dormo da mesi nello stesso letto per più di una notte, sono ogni giorno in un posto diverso, sempre più lontana dai miei affetti, dalle piccole, e per vedere il mio fidanzato faccio fatica, ma faccio di tutto. Sono felice, sono grata al mio lavoro, non fraintendetemi, ma sono stanca...tanto! Mi prenderò una pausa, un periodo tutto mio molto presto… E sarà meraviglioso! Vi porterò con me comunque, tranquilli», ha scritto Giulia. L'influencer ha raccontato in un libro del giorno in cui ha scoperto di essere stata tradita.

A "Verissimo" ha ripercorso ogni momento della giornata. «Andrea Damante era via per lavoro. Ho spaccato tutto. È stato necessario come lavarsi i denti la mattina», ha ammesso. "Le corna stanno bene con tutto": Giulia De Lellis, fasciata in un abito nero, con il collo alto a incorniciarle il viso, lo ha scritto in un libro e poi ribadito sabato pomeriggio, nello studio televisivo di Verissimo. «Quando si viene tradite si è costrette a smettere di amare, ma il sentimento non svanisce da un giorno all'altro», ha detto, quasi con solennità, raccontando, di fronte a Silvia Toffanin, l'orrore del giorno in cui si è scoperta «cornuta».