Elisabetta Canalis si confida a cuore aperto in esclusiva al settimanale Oggi. Rivelando dettagli inediti sulla sua vita a Los Angeles, su sua figlia Skyler Eva, su suo marito Brian Perri, su George Clooney… E su quanto le manchi l'Italia.
Ma non solo Tra i tanti progetti della show girl c'è anche un secondo figlio. "Non è un progetto immediato risponde a Oggi Ammesso che in relazione a una eventuale gravidanza si possa parlare di progetto. Sa, io mi sposto e viaggio molto.
Sarebbe tutto più complicato. Ma se dovesse arrivare la lieta notizia ne saremmo sicuramente entusiasti".

E poi c'è il lavoro, che vede la Canalis impegnata su più fronti e su diverse prospettive. Fra queste anche una fiction di livello europeo da girare in Italia. Almeno stando alle voci ed ai "si dice". "Sarebbe davvero bello replica la Canalis ma io ai mormorii, ai "giravoce", ai "si dice" non posso certo dare credito né conferme". Qualcuno ipotizza una sua partecipazione alla fiction "Un posto al sole". "Mi piacerebbe molto girare a Napoli è la sibillina risposta a questa possibilità Io amo follemente quella città. Ci sono stata questa estate con mio marito e la mia bambina e mi sono sentita subito come a casa.
Napoli mi ricorda il centro storico di Alghero, la mia città. Con i suoi vicoli, la sua gente accogliente e i suoi chiaroscuri".
Nella "confessione" al settimanale Oggi la Canalis parla anche della mancanza dell'Italia, per lei che da tempo vive a Los Angeles.


"Mi manca tantissimo ammette Quando sono in Italia sono al settimo cielo, sono appagata. Avverto un senso di pienezza, sento che non mi manca davvero nulla. Pensi che ultimamente avendo partecipato in qualità di giurata alla trasmissione di Antonella Clerici Sanremo Young ho iscritto mia figlia in un asilo italiano per un mese. La mia Skyler Eva si è integrata perfettamente, era entusiasta. Lei parla perfettamente la nostra lingua e ha un richiamo naturale per la nostra terra". Elisabetta ha sposato Brian Perri, un chirurgo ortopedico assai noto, specializzato in interventi alla colonna vertebrale.
Così ne parla la soubrette: "E' un uomo che salva la vita ad altri uomini. Un lavoro di enorme responsabilità. Il rapporto con lui mi ha insegnato a dare la priorità alle cose che davvero contano e a minimizzare tutto ciò che è secondario o frivolo.
Grazie a Brian oggi ho imparato a pesare nel modo giusto tutto ciò di cui ho esperienza".