Boom di presenze ai festeggiamenti in onore di Sant'Antonio Abate. La giornata di sole ha favorito l'arrivo di tanti visitatori che hanno partecipato alla tradizionale fiera, ma intensa e costante è stata anche la presenza di fedeli alle messe celebrate, in particolare a quella officiata dal vescovo Ambrogio Spreafico. Nella tarda mattinata di venerdì lungo via Campidoglio e in prossimità della chiesetta di Sant'Antonio era quasi impossibile camminare, centinaia di persone curiosavano tra i banchi di oggettistica realizzata a mano in legno, midollino e ferro; in tanti hanno acquistato piccoli animali, altri ancora degli oggetti particolari che solo in occasione di questa esposizione è possibile trovare.

E poi i bambini e i ragazzi che hanno fatto sosta dai paninari presenti o per comprare mosciarelle e caramelle di ogni genere. Insomma, la fiera ha registrato un pienone e le cerimonie religiose sono state molto partecipate. Fino a sera, il giorno di festa ma anche in occasione degli allestimenti del giorno prima, giovani e adulti hanno contribuito a mantenere viva la tradizione invernale cepranese, nota in tutto il comprensorio. Già nel primo pomeriggio tutti premi della pesca di beneficenza erano stati consegnati a testimonianza del generoso contributo che in tanti hanno voluto dare per sistemare la campana che verrà così riattivata. Infine lo spettacolo pirotecnico e l'appuntamento al 17 gennaio 2021.