Un incontro sui generis tra i due papi Bergoglio e Ratzinger in un esilarante siparietto di vita domestica, i duetti musicali di Gino Paoli con Ornella Vanoni e di Dean Martin con Frank Sinatra. Un serata all'insegna di voci, imitazioni, sketch, musica, improvvisazioni e interazioni con il pubblico. Massimo Lopez e Tullio Solenghi di nuovo insieme sul palco. Due amici che si ritrovano dopo quindici anni, interpreti e autori di uno spettacolo che sta facendo sold out in tutta Italia, accompagnati dalla Jazz company con la partitura musicale eseguita dal vivo dal maestro Gabriele Comeglio.

Il "Massimo Lopez & Tullio Solenghi show" approda in Ciociaria venerdì al teatro Nestor di Frosinone. Due ore di spettacolo in compagnia dell'empatia spassosa ed emozionale che solo "vecchie volpi del palcoscenico" sanno offrire. Un'idea nata grazie al "Tale e quale show" di Carlo Conti che ha portato i due comici, un tempo componenti dell'indimenticabile Trio con Anna Marchesini, ad esibirsi di nuovo insieme, in gag esilaranti e applaudite che li hanno visti interpretare cantanti famosi con particolare bravura come la celebre coppia artistica di Simon e Garfunkel. Complice anche un affezionato fan che aveva espresso il desiderio di rivederli di nuovo insieme sulle scene.

«L'idea dominante – raccontano Lopez e Solenghi – è stata quella di riappropriarci del nostro marchio di fabbrica che ci ha contraddistinto fin dall'esordio col Trio, coniugandolo con nuovi contenuti. Ne è così scaturito un racconto scenico senza un apparente filo conduttore, un po' a scatole cinesi, dove una semplice frase o una singola intonazione possono agevolare la scena successiva».

Tra divertimento e momenti di profonda emozione, durante gli spettacoli non può mancare il ricordo di Anna Marchesini. «Ogni sera salendo sul palco – spiegano – avvertiamo la meravigliosa sensazione di portare una parte di Anna con noi». Una complicità che deve molto all'affetto del pubblico, «vecchi amici, parenti ritrovati – così li definiscono i due comici – È questa la sensazione che ricaviamo dai loro applausi, dalle loro risate e dalle loro emozioni».