Una folta rappresentanza del Corteo Storico Terra Sancti Benedicti ha rievocato alcuni momenti di vita medievale. Protagonisti dell'evento i figuranti, sia nobili che i popolani, che si sono esibiti in una location d'eccezione e suggestiva, la Rocca Janula. Una cornice adatta all'allestimento di scene di quotidianità di quello che è considerato uno dei periodi più bui della storia.

Questo appuntamento si inserisce nel calendario degli eventi organizzati in onore di San Benedetto in questo anno così importante per Cassino che celebra il settantacinquesimo anno della distruzione della città e del monastero benedettino. Un giorno speciale per "inaugurare" una serie di appuntamenti, il 2 febbraio alle 19.30 i figuranti attraverseranno le strade del centro per annunciare l'inizio dei festeggiamenti, poi si sposteranno il 9 nel rione Colosseo e il 16 nel quartiere San Bartolomeo. Venerdì 15 febbraio per la ricorrenza della distruzione del monastero benedettino si terrà una celebrazione eucaristica nella cattedrale dell'abbazia alle 10. Poi la fiaccola benedettina sarà a Norcia il 23 febbraio, in Vaticano il 27 e a Subiaco il 10 marzo.

Quest'anno ci sarà anche un torneo di calcio in programma l'8 marzo allo stadio Salveti e saranno proprio i figuranti del corteo ad accogliere gli atleti. Ma per il Corteo Storico Sancti Benedicti questo è un anno importante che segna il venticinquesimo anniversario dalla prima uscita, un quarto di secolo che ha visto questa importante realtà diventare sempre più importante e di anno in anno, passando da alcune decine di figuranti e centinaia di persone di tutte le età sfilare per le strade del centro e incantare spettatori a Cassino e in tutta Europa.