Neanche quest'anno ha deluso le aspettative. È stata una vera e propria festa del vino novello alla riscoperta di antichi sapori con degustazioni di prodotti tipici locali, musica e balli popolari. Numerose persone, sabato scorso, hanno riempito le vie del centro storico. La manifestazione "Le cantine del borgo" ha riscosso un grande successo. Un evento che rende orgogliosi ogni volta, gli organizzatori, ma che richiede tanto impegno e qualche sacrificio. Continua a funzionare la collaborazione tra associazione organizzatrice, cantinieri (vera struttura portante della festa), amministrazione e sponsor privati. L'incasso è in parte reinvestito nella prossima edizione e in parte nel "Premio Don Santino".

Iniziativa rivolta ai bimbi del paese in cui la Befana premia i bimbi che realizzano il presepe con le proprie famiglie.
Altro aspetto da evidenziare è come l'evento abbia ridato lustro e visibilità al centro storico e fatto conoscere il vino e i prodotti tipici del territorio. Evento patrocinato dal Comune di Strangolagalli e organizzato dall'Associazione Culturale "Le Cantine del Borgo", formata da un gruppo di giovani che promuovono il loro paese avvalendosi della collaborazione di tanti cittadini e soprattutto supportata da aziende locali. È stato allestito un percorso enogastronomico davvero ricco di prelibatezze per far conoscere le eccellenze e per accendere i riflettori sulla suggestione di un borgo ricco di storia e tradizione.

Come ogni evento che si rispetti non potevano mancare la musica, i balli popolari, e soprattutto l'entusiasmo degli organizzatori e dei cantinieri che hanno lavorato con impegno e dedizione insieme ai cittadini e a tutti coloro che hanno collaborato per la riuscita della manifestazione. I complimenti di tutti i presenti all'associazione "Le Cantine del borgo" che senza alcun scopo di lucro organizza uno degli eventi più attesi a Strangolagalli, non solo dai residenti ma anche da molti cittadini dei paesi limitrofi.