Domani, alle 10, il plesso scolastico di Villa Latina che fa parte dell'Istituto comprensivo di Atina, organizza la quinta edizione del progetto "Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole", nato dal protocollo d'intesa tra i ministeri dell'istruzione e dei beni culturali. Come ogni anno, il Comprensivo di Atina partecipa con entusiasmo a questa iniziativa che, insieme ad altre come "La domenica di carta" e soprattutto "Io leggo perché", mira a far scoprire ai più giovani la bellezza della lettura e il suo potere di coinvolgimento. Stimolare i ragazzi alla lettura è oggi un'impresa difficile per genitori e insegnanti; perciò i docenti della scuola hanno ritenuto necessario aderire a questa iniziativa in modo compatto e, possibilmente, fantasioso.

In questa occasione, come annuncia il preside Michele Nunziata, il plesso di Villa Latina aprirà le sue porte alla comunità della Valle di Comino utilizzando un format inedito che coniughi lettura, spettacolo e una testimonianza diretta, quella di una delle più importanti firme del quotidiano "Il Giornale", l'alvitano Vittorio Macioce. All'evento sono invitati i genitori, le istituzioni, gli operatori culturali della Valle, gli enti e le istituzioni culturali e sociali. Tra le proposte indicate dal ministero, l'istituto comprensivo ha scelto quella che si presta forse alle più articolate interpretazioni: "Lettura e libertà". E a spiegarla è stato invitato un giornalista affermato che avrà il compito di illustrare agli alunni il nesso che lega questi due concetti. Accompagnerà l'evento il commento musicale a cura di Serena Pagnani e Gianluigi Di Bona del programma radiofonico di Radio2  "Un giorno da pecora".