"Frosinone Capoluogo della nuova Provincia: storia e prospettive a 90 anni dal decreto di istituzione." È tutto pronto per l'evento, che si inserisce nel piano di gestione "Frosinone Alta", organizzato dal Comune per celebrare il 6 dicembre, data in cui nel 1926 Frosinone venne elevata a rango di capoluogo della nuova provincia. Corposo e di alto livello il programma con contributi multimediali e di storici locali che si svolgerà, il prossimo 6 dicembre, nel palazzo della Prefettura, nella sala "Purificato", ideale trait d'union tra l'ente Comune e la nascente istituzione dell'epoca. Si inizia alle 9.30 con i saluti del prefetto Emilia Zarrilli, cui seguiranno quelli delle altre autorità. Ad aprire idealmente il dibattito storico sarà la proiezione del documentario "VI dicembre 1926: La data memoranda" a cura di Francesca Di Fazio, responsabile dell'archivio storico della Provincia. Poi sarà la volta degli studiosi. Costantino Jadecola ricostrutirà le vicende storiche ed istituzionali all'origine della nuova provincia, mentre Maurizio Federico parlerà delle implicazioni sociali ed economiche della città elevata a capoluogo di provincia. A moderare il dibattito sarà il direttore della biblioteca comunale "Norberto Turriziani", Angelo D'Agostini. Al termine del convegno ci sarà l'apposizione di una targa commemorativa in piazza VI dicembre, dopodiché sarà possibile prendere parte a una visita guidata alla mostra permanente dell'archivio storico della Provincia di Frosinone. «L'evento ci ha detto l'assessore al centro storico Rossella Testa fa parte delle numerose iniziative culturali rientranti nel piano di gestione di "Frosinone Alta" finalizzato al rilancio della parte antica della città. Lo scopo, attraverso iniziative come quelle del prossimo 6 dicembre, è quello di consentire ai cittadini di riappropriarsi della propria storia, delle proprie tradizioni per eternarle e trasmetterle alle nuove generazioni affinché tutti ci si senta sempre più orgogliosi della città che ci ha dato i natali e che ci accoglie nel suo amorevole abbraccio quotidiano. Frosinone ha una grande storia da raccontare e, nonostante le devastazioni delle guerre che si sono succedute nei secoli e la mano, purtroppo, dell'uomo negli ultimi decenni, ogni pietra ha una fascino, ogni angolo rappresenta qualcosa di unico. Come assessorato al centro storico e come amministrazione Ottaviani, proprio per valorizzare ancor di più la gloriosa storia della nostra nobile città, stiamo predisponendo una delibera con un elenco di date significative da istituzionalizzare e da celebrare ogni anno come si conviene». «Il piano di gestione di Frosinone Alta" ha concluso l'assessore Testa punta alla rinascita della parte antica non solo con una pianificazione di carattere economica e commerciale, ma soprattutto attraverso il volàno della cultura con iniziative come quella del 6 dicembre».