Un importate momento per scoprire la storia dell'antica diocesi di Aquino e della città: dopo un attento lavoro di studio e di restauro verranno presentate le pergamene di proprietà della basilica cattedrale di Aquino.

Ritrovate e restaurate, le 107 pergamene di proprietà della Basilica Concattedrale di Aquino tornano ad Aquino e vengono presentate alla cittadinanza sotto l'egida della Soprintendenza Archivistica del Lazio e della diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo.

L'appuntamento è domani, alle 18, nella Basilica Concattedrale di San Costanzo e San Tommaso di Aquino dove si terrà la presentazione delle antiche pergamene fatte restaurare dal Circolo San Tommaso d'Aquino, con la prestigiosa collaborazione dell'Archivio Segreto Vaticano e della Soprintendenza Archivistica del Lazio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Atti di cancelleria che coprono un lasso di tempo di 500 anni che aiuteranno a riscoprire importanti tasselli della storia della diocesi e della città. Infatti le 107 pergamene, databili tra il 1300 e il 1700, erano molto probabilmente parte dell'archivio del Capitolo della Cattedrale di Aquino bombardata durante le Seconda Guerra Mondiale. Messe in salvo dall'allora arciprete parroco, don Giovanni Battista Colafrancesco, e inventariate di recente da monsignor Mario Milanese (con l'aiuto di don Andrés Arias, del professor Andrea La Starza e di alcuni parrocchiani), le pergamene sono poi state definitivamente recuperate da don Tommaso Del Sorbo, arciprete parroco di Aquino.

È stato lui ad attivare il Circolo San Tommaso d'Aquino per il progetto di restauro.

«È con grande gioia che possiamo presentare le pergamene alla cittadinanza di Aquino, dopo un lungo progetto di restauro - ha sottolineato Tommaso Di Ruzza, presidente del Circolo San Tommaso d'Aquino - Ora partirà lo studio di questi preziosi documenti, che possono essere una finestra su alcuni scorci sinora sconosciuti della storia del nostro territorio».

Nato nel 2009, il Circolo San Tommaso d'Aquino promuove la conoscenza e lo studio del Dottore Angelico. Ogni anno, conferisce il Premio internazionale Tommaso d'Aquino, e due borse di studio (offerte dalla Banca Popolare del Cassinate) a giovani studiosi e artisti per una tesi di laurea o monografia che attualizzi il pensiero di Tommaso d'Aquino e per una opera d'arte, in linguaggio moderno o classico, ispirato all'aquinate.

«Per noi - ha aggiunto Di Ruzza - guardare a Tommaso d'Aquino significa anche guardare al nostro territorio e alla sua storia. Per questo, il restauro delle pergamene ci porta al cuore della nostra missione».

Le pergamene sono state restaurate da un team coordinato da Manuela Panucci, che presenterà il lavoro nell'evento di domani ad Aquino. Insieme a lei, monsignor Stefano Sanchirico, Prelato dell'Anticamera Pontificia, interverrà sul contesto storico delle pergamene e sull'importanza che le pergamene possono avere nella sua comprensione.

L'evento sarà introdotto dai saluti del vescovo Gerardo Antonazzo, di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo; di Tommaso Di Ruzza, presidente del Circolo San Tommaso d'Aquino; e di Mauro Tosti Croce, soprintendente archivistico del Lazio.