Giramonte, tra vino, cibo e musica, il borgo di Monte San Giovanni Campano ha vissuto due giornate tra i fasti della convivialità. Il maltempo ha costretto gli organizzatori ad attendere oltre un mese per proporre la seconda edizione della manifestazione che già sembra essersi guadagnata uno spazio nella nicchia negli eventi più attesi della stagione. Con presenze alle stelle, Giramonte può dirsi un obiettivo centrato dagli organizzatori, costituitisi in associazione, che hanno espresso la loro soddisfazione e tanti grazie via social.

«Abbiamo rinviato il nostro evento di un mese, sfidando il cambio di orario, le giornate più corte, il freddo pungente. Lo abbiamo fatto perché siamo stati sempre convinti che sopra tutto, sopra ogni ambizione personale ci debba essere sempre rispetto, rispetto per chi come noi mette entusiasmo, tempo, sacrifici ed impegno. Volevamo una festa bellissima e ci siamo riusciti, ringraziamo gli ottomila visitatori che in questa due giorni di GiraMonte 2023 hanno affollato le piazze ed i vicoli del nostro splendido borgo monticiano! Ringraziamo i cantinieri che con il loro impegno sono riusciti a deliziare il palato dei tantissimi accorsi.. Ringraziamo gli artisti e musicisti che ci hanno intrattenuto e fatto divertire. Ringraziamo l'amministrazione comunale per la disponibilità e costante presenza. Ringraziamo il Comando dei Carabinieri e la Polizia Locale, i volontari dell'Associazione Nazionale Carabinieri, la Protezione Civile, la Misericordia, i cugini volontari di Emergency Boville e Aerre Security. Ringraziamo gli autisti delle navette Iannucci e tutte quelle persone che ci hanno dato una mano, permetteteci un grazie ad Emilio Di Adamo che ci ha accompagnato con il suo impegno in questi tre mesi di preparativi. Ringraziamo i proprietari dei locali messi a disposizione. Ringraziamo i nostri videomaker, fotografi e grafici per i lavori pre, durante e post evento. Ringraziamo anche i 53 camper accorsi da ogni parte d'Italia per ammirare il nostro bellissimo borgo, il nostro castello e le nostre chiese. Forse è la prima volta che succede e speriamo sia la prima di tantissime altre. Ora sguardo al domani; e, in attesa della terza edizione, aspettatevi una sorpresa per le festività. Il borgo continuerà a splendere, noi ci siamo e ci saremo anche domani».