Torna il fascino della Natività nel centro storico di Torrice, grazie alla dinamica associazione "I Viandanti" che dopo due anni di stop, dovuti all'emergenza sanitaria da Covid-19, ripropone l'atteso evento. Quando? Il 18 e il 26 dicembre. Dalle 14.30 di domenica prossima si potrà assistere alla quarta edizione di una tradizione che vede protagonisti trecento figuranti, di tutte le età.

«Il Natale sta arrivando e con lui anche il nostro presepe vivente - si legge sulla pagina Facebook dell'associazione "I Viandanti" - Anche quest'anno ci stiamo impegnando affinché sia per voi un'esperienza sorprendete, ricca di emozioni che colpiscono il cuore. Sarà stupendo. Il 18 e il 26 dicembre il borgo si trasformerà in un vero e proprio presepe vivente, camminando tra le antiche stradine troverete una accurata riproduzione delle arti e dei mestieri del tempo, nelle cantine del paese si darà vita a scene di vita reale. Lungo il percorso troveremo fabbri, falegnami, candelai, sacerdoti, gioiellieri, un antico frantoio, le donne che lavorano la lana e tanto tanto altro, un viaggio nella storia che ci condurrà fino alla mangiatoia dove incontreremo Gesù. Il verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi. Tutto questo è Adeste Fideles Turricis 2022. Vi aspettiamo».

La prima edizione della rievocazione della Natività è stata portata in scena nel 2017. Poi i due anni di stop per il covid, per tornare quest'anno con un entusiasmo ancora più grande. Saranno trecento i figuranti, quasi tutti del paese. Interverranno anche i falconieri e la compagnia "Legio Alatrensis" di Alatri. Il percorso inizia domani, con i festeggiamenti di Santa Lucia, e al termine della processione verrà rappresentata l'annunciazione e successivamente verrà divulgato un messaggio per la pace. Domenica il primo appuntamento con il presepe vivente. Si replica il 26 dicembre.