Le luci si sono abbassate e il sipario si è aperto per accendere i riflettori su quello che, visto l'impegno dei protagonisti e l'entusiasmo del pubblico che ha assistito alla prima, si preannuncia un cortometraggio che offre spunti di riflessione importanti. Buona la prima del cortometraggio "Il Mistero di Kyra" presentato nei giorni scorsi nella sala teatro del liceo "Morgagni" di Roma. Tra gli attori un volto noto di fiction di successo di Canale 5, l'artista di Ferentino Claudio Bondatti. Per lui il ruolo forse più espressivo e difficile allo stesso tempo, quello di un professore diversamente abile. Ruolo che ha saputo interpretare nel migliore dei modi. L'attore ferentinate, tra l'altro, è sempre stato in prima linea per le fasce più deboli e per tematiche importanti, quali la solidarietà.
Prima della visione del corto, sono stati consegnati i premi e gli attestati di partecipazione ai protagonisti. E così c'è stata la carrellata di nomi con tanto di ringraziamento per aver fatto parte a un progetto di squadra. Perché è stata proprio la squadra composta da alunni, professori, con attori professionisti, a centrare l'obiettivo: lanciare messaggi importanti. I registi Claudio Lucarelli e Maria Berardi hanno affrontato, infatti, il tema della comunicazione telepatica nel corto, un terreno poco esplorato di per sé, ma lo è ancora meno quando si tratta di animali. Il sottile filo che unisce e amalgama la storia è l'amore verso la vita, l'amore come solidarietà, amicizia e l'amore puro. Impeccabile il cast amalgamato tra attori professionisti, quali appunto Claudio Bondatti, Anna Giulia Romani, Ivan Gray, Giuseppe Panebianco, Andrea Bacarelli, con il campione mondiale di pesi leggeri Emiliano Marsili, gli alunni del Liceo Morgagni di Roma e alcuni professori. Il pregevole Cameo dello scomparso di recente il dj Feelx ha impreziosito l'opera che scorre in modo avvincente.
Ultima e non da meno la presenza dei due quattro zampe Kyra e Yoda che hanno dato brio alla vicenda come due attori. Sono stati proprio loro, accanto a uno degli attori principali, Claudio Bondatti, volto noto delle fiction di Mediaset su Canale 5, tra cui "L'Onore e il Rispetto 4 e 5 – Ultimo Capitolo", "Il Bello delle Donne… Alcuni anni dopo", "Non è stato mio figlio" a trasmettere ancor di più il filo conduttore del cortometraggio, quello della forza nonostante tutti gli eventi difficili che la vita può costringere ad affrontare. Applausi a scena aperta al termine della visione del corto, che sarà presentato al Film Festival a Matera, a Torino e candidato al premio "Remigio Paone". Corto che diventerà anche un film. E sotto le note della bellissima canzone scritta da Pino Toma e cantata da Francesca Bellenis, "Il Mistero di Kyra" ha avuto il degno omaggio anche in musica.