L'annuncio dell'uscita di "Mount&Blade II: Bannerlord" sembra essere sempre più vicino. Il sequel del celebratissimo "Mount&Blade" è atteso da milioni di fan in tutto il globo terracqueo. La serie è un'esclusiva per PC e al momento non è previsto un rilascio per console di nuova generazione.

Mount&Blade ha rappresentato una delle novità più belle nel mondo videoludico. L'esperienza di gioco ci proiettava in maniera coinvolgente all'interno di un mondo simil-medievale nel quale la componente strategica e gestionale si incontrava alla perfezione con la parte relativa alla personalizzazione del nostro personaggio e ai combattimenti. Il primo episodio uscito nel 2008 continuò ad essere giocato anche a distanza di anni, grazie alle innumerevoli modifiche apportate dagli stessi giocatori e al buon numero di espansioni uscite. Soltanto quando il peso dell'età cominciò a farsi sentire, il successo della creazione targata TaleWorlds Entertainment andò arrestandosi. L'idea di sviluppare un sequel iniziò già a partire dal 2012 e da allora le notizie riguardanti Bannerlord sono state pubblicata con il contagocce, seppur divulgate con una certa regolarità. Al di là di tutto, la sensazione generale è che si sia arrivati alla stretta finale per quel che riguarda l'ultimazione del prodotto, la pubblicazione di trailer e immagini più dettagliati è un chiaro segnale.

Ciò che appare subito manifesto, dalle fonti a nostra disposizione, è indubbiamente il miglioramento dal punto di vista grafico. In tal senso gli accorgimenti sono piuttosto naturali, visto il tempo intercorso fra il precedente capitolo e quest'ultimo, ma ciò è sintomo dell'enorme successo raggiunto dalla serie che ha permesso agli sviluppatori di alzare l'asticella. Fatta eccezione per il comparto visivo, gli sforzi maggiori sono stati indirizzati verso il mondo di gioco: i villaggi ad esempio, oltre ad essere aumentati quantitativamente, sono stati resi più vivi e realistici. Gli insediamenti ora pullulano di abitanti, ognuno dei quali indaffarato in varie attività o semplicemente intento a spassarsela in una taverna. Altra importante novità è rappresentata dalla modalità di creazione del personaggio nella quale potremo creare il nostro alter ego digitale, tramite una vasta gamma di combinazioni. Va da sè che le texture saranno più dettagliate e i modelli saranno più realistici e il titolo sarà facilmente accostato a quelli di ultima generazione.

Il sistema di gioco prevederà un ingresso facilitato per i neofiti. Il primo Mount&Blade era pensato in gran parte per un'esperienza online, dove spesso e volentieri incappavamo in giocatori molto più forti di noi. in Bannerlord questo non accadrà, poichè verrà introdotta una storyline indipendente dalla modalità multigiocatore che consentirà alle matricole di evitare lo scontro con gli avversari più navigati. Per quanto concerne la funzionalità single player sappiamo ancora poco, ma i privilegiati che hanno potuto testare il gioco fanno sapere che l'idea di fondo è proprio quella di agevolare i nuovi seguaci di Mount&Blade.

Le dinamiche di combattimento rimarranno invariate, piccoli ritocchi sono  stati compiuti in merito al tempismo degli attacchi e a quello delle parate, ma per il resto si conferma quanto di buono visto nel primo capitolo. Molto intrigante si preannuncia la fase di creazione delle armi nella quale potremo assemblare vari tasselli per plasmare l'arma che si addice maggiormente al nostro stile.

Per finire non ci resta che esaminare la parte riguardante gli assedi. Quest'ultimi incarneranno la parte più emozionante e soddisfacente del gioco, molte infatti saranno le macchine delle quali potremo fare uso: dalle classiche catapulte alle più elaborate arieti e torri. Altra peculiarità degli assedi è quella relativa alla possibilità di realizzare dei filmati delle nostre imprese e di conseguenza potersi ammirare nelle fasi salienti della battaglia.

Le premesse che Mount&Blade: Bannerlord si riveli un gioco di sicuro successo sembrano esserci tutte, l'unica speranza è che il titolo esca nel corso del 2016. A questo punto ragazzi non mi resta che salutarvi e continuare ad aggiornarvi su ulteriori sviluppi.