Tyranny, il nuovo RPG con visuale isometrica di Obsidian, proseguirà quanto di buono abbiamo già potuto apprezzare in Pillars of Eternity. Non si tratterà di un vero e proprio sequel, dal momento che andremo ad interagire con un mondo e una storia del tutto nuovi, tuttavia le basi su cui poggia il nuovo progetto sembrano promettenti, poichè mostrano al giocatore lo scenario che si sarebbe verificato qualora il male avesse sopraffatto il bene.

Il motore di gioco sarà lo stesso utilizzato in Pillars, ma verranno introdotte parecchie novità per quel che concerne i combattimenti. Il fuoco amico, ad esempio, verrà eliminato, mentre i componenti della nostra squadra potranno essere al massimo quattro, in luogo dei sei che potevamo scegliere in Pillars. Il nostro alter ego sarà inoltre in grado di lanciare degli incantesimi combinati, attraverso l'ausilio dei compagni.

Potremo plasmare il fato della compagnia grazie ad un’ampia serie di opzioni, cominciando dalla prima alleanza nella quale ci imbatteremo ad inizio gioco. Starà a noi decidere se sposare la causa dei ribelli per cercare di rovesciare il Regno, unirci allo Scarlet Chorus, un gruppo agli ordini del comandante Kyros, oppure entrare a far parte dei Disfavored, un’altra fazione malvagia il cui obiettivo sembra quello di aumentare il proprio potere nelle terre occupate.

Tra una battaglia e l’altra vi saranno ampie sezioni narrative attraverso le quali potremo sviluppare le nostre scelte. La presenza di molte fazioni offrirà diverse alternative per quanto riguarda i risvolti morali: Obsidian garantisce che le le scelte che compiamo saranno consapevoli, ma alcune situazioni non saranno controllabili.

L'uscita del prodotto è attesa entro quest'anno su PC.