Deus Ex: Mankind Divided è un titolo assolutamente intrigante, del quale ancora si conosce ben poco. Qualche dettaglio in più è emerso da un'intervista del PlayStation Blog al direttore narrativo Mary DeMarle, che parlando del gioco ne ha snocciolato alcune dinamiche narrative:

"Il nostro intento era mostrare la condizione umana dopo la tragedia di Deus Ex: Human Revolution. Come Adam Jensen combatta contro i terroristi e le persone che li gestiscono, ma sono davvero terroristi quelli che affronta? Sono davvero persone malvagie? Questo concetto avrà delle ripercussioni sulle vostre decisioni?

"Volevamo garantire delle conseguenze per ogni vostra azione su diversi livelli nel corso del gioco. In determinate circostanze potresti non esserne consapevole, ma alcune volte ti verrà richiesta una scelta tra due strade molto specifiche che avranno un forte impatto sul finale. Il modo in cui vi avvicinate verso la conclusione dipenderà da queste scelte. Il vostro finale potrà quindi essere diverso rispetto a quello altrui."

DeMarle ha poi menzionato le missioni secondarie. Chi esplorerà il mondo di gioco incontrerà molti personaggi e si troverà dinanzi ad un grande lavoro di narrazione.

L'intervista si chiude sulla possibilità di vedere un Deus Ex steampunk.

"Sarebbe magnifico! È un'idea indubbiamente originale, ma per metterla in pratica dovrà esserci uno sforzo collettivo del team... comunque ritengo che il nostro art director ne sarebbe entusiasta! In tal caso potremmo cambiare protagonistà!"

Ricordiamo che Deus Ex: Mankind Divided sarà disponibile dal 23 agosto per PC, PlayStation 4 e Xbox One.