Sono passati tre anni da quando ne vennero rilasciati i primi trailer e le prime immagini, ora l'attesa per l'ambizioso sparatutto/gioco di ruolo" Tom Clancy's The Division" è quasi giunta al termine. Il gioco, in arrivo l'8 marzo 2016 su PlayStation 4, Xbox One e PC, ha avuto una lunga fase di lavorazione e la sua uscita è stata spesso rinviata. Adesso che il suo arrivo nei negozi è imminente, andiamo a vedere nello specifico quelle che saranno le caratteristiche di questo titolo. The Division è ambientato a New York dove, a causa di un'epidemia che ha decimato l'intera nazione durante il Black Friday, tutto è sprofondato nell'anarchia. Scoprire le cause del virus letale sarà compito di una squadra speciale SHD (Strategic Homeland Division) che, agirandosi per le strade della Grande Mela, dovrà fronteggiare le minacce generate dal disordine cittadino. Entrando nel merito dell'esperienza di gioco, l'aspetto più intrigante è rappresentato dalla sua componente ruolistica e di come essa andrà ad incidere sulla caratterizzazione del nostro personaggio. Il giocatore infatti potrà personalizzare il proprio alter ego tramite una vasta scelte di armi ed equipaggiamento, nonché attraverso la possibilità di sbloccare talenti ed abilità specifiche. Si potrà scegliere ad esempio, in base al nostro stile di gioco, se essere un cecchino adatto ai combattimenti furtivi e distanti oppure un curatore abile nel ristorare la salute dei compagni. Quest'ultimo aspetto si lega inevitabilmente alla componente multiplayer del gioco e, nello specifico, alla modalità cooperativa. The Division infatti, così come Destiny, è un gioco utilizzabile esclusivamente online e potremo decidere di giocare per conto nostro o di allestire una squadra, il cui numero non può superare le quattro unità. Per quanto riguarda la parte narrativa essa si rivelerà certamente interessante, ma la sua struttura sarà tutt'altro che lineare, essendo The Division un open world focalizzato sulla libertà di interazione con l'ambiente circostante. La città di New York, rivisitata in genere post-apocalittico, sarà interamente esplorabile e si potrà accedere in svariati edifici. Potremo controllare luoghi o aree d'interesse, impostando dei punti di accesso per facilitare i nostri spostamenti. Nel gioco inoltre, saranno presenti due zone speciali alle quali dovremo prestare particolare attenzione: la "Green Zone" e la "Dark Zone". La Green Zone, la cui collocazione dovrebbe essere in quel di Manhattan, sarà il sito nel quale avremo la possibilità di incontrarci con altri giocatori, di fare rifornimenti e di modificare il nostro personaggio. La Dark Zone, invece, non sarà così accogliente, d'altro canto lo stesso nome lo lasciava presagire. Situata a Brooklyn, quest'area brulicherà di nemici e altri giocatori desiderosi di sangue e sparatorie. Uscirne vivi significherà ottenere ricompense importanti, ma è vivamente sconsigliato visitare la Dark Zone da soli.

Signori, come potete notare, di carne al fuoco ce n'è parecchia, non rimane a questo punto che attendere l'8 marzo per avere il prodotto ultimato tra le nostre mani. A presto per ulteriori aggiornamenti!