Salve ragazzi, il blog odierno riguarda una delle saghe più amate e al contempo maggiormente criticate della storia dei videogiochi. La serie a cui facciamo riferimento è "Assassin's Creed". Voci di corridoio sembrano presagire un interessante nuovo capitolo all'orizzonte, il cui titolo sarebbe " Assassin's Creed Empire ". Una fonte non confermata interna ad Ubisoft (la casa di distribuzione del videogioco) dichiara che il titolo dovrebbe uscire negli ultimi mesi del 2016 e pare che le ambientazioni scelte siano l'antica Roma e l'Egitto.

Stando alle prime indiscrezioni si era parlato soltanto della terra dei faraoni come unica location della nuova avventura, ma le successive notizie hanno rivelato che il progetto potrebbe svilupparsi su tre episodi, essendo una trilogia. L'eroe della storia porterebbe il nome di Marco Giunio Bruto e il lasso temporale in cui si svolgerebbero gli avvenimenti andrebbe dal 68 al 49 a.C. Gli eventi cardine narrati saranno la caduta dell'Impero Seleucide e la battaglia di Pistoia. La Ubisoft ha garantito che Empire è il lavoro più ambizioso al quale si sono dedicati, affermando che le dinamiche di gioco saranno completamente diverse dai precedenti episodi. In merito a quest'ultima considerazione, mi auguro che la fonte da cui traggono spunto le nostre affermazioni abbia ragione.

Il perché è presto detto. Fatta eccezione della saga italiana con protagonista l'ormai celeberrimo Ezio Auditore, il cui ultimo capitolo venne rilasciato nel 2011, l'evoluzione videoludica del mondo creato ed ideato dalla Ubisoft ha lasciato alquanto a desiderare. Non mi riferisco agli scenari, alla trama oppure alla grafica, infatti da questo punto di vista il team di sviluppo francese ottiene costantemente pregevoli risultati. La note dolente di Assassin's Creed è da sempre l'eccessiva facilità del gameplay e la mancanza di sfide più stimolanti. Le missioni sono ripetitive ed i combattimenti decisamente noiosi. In quanto assassini poi, ci si aspetterebbe che lo stealth system ( ovvero la capacità di agire furtivamente) fosse una parte fondamentale della nostra esperienza videoludica, ma finora è stato sempre messo in secondo piano. Pertanto il principale passo in avanti che la Ubisoft deve compiere è quello di apportare profondi cambiamenti al gameplay piatto e stagnante dei titoli precedenti. Qualora i ragazzi della casa di distribuzione transalpina riuscissero a fare questo, potrebbero dare una svolta decisiva al prodotto, le cui potenzialità sono ben note.

Non è un caso che, grazie alla fama raggiunta dalla saga, sul finire del 2016 farà il suo esordio nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il film di Assassin's Creed, con Michael Fassbender nei panni del protagonista. Che dire messeri, non ci resta che rimanere aggiornati sulla vicenda ed incrociare le dita affinché lo staff della Ubisoft produca un titolo all'altezza delle aspettative. Un saluto a tutti, ciao!