Tredici precedenti tra il Frosinone e la Ternana in 66 anni, con un dato importante: i primi dieci incontri si sono giocati tra il campionato Interregionale 1950/51 e quello di Quarta Serie 1956/57. Poi, bisogna attendere 57 anni per ritrovare le due formazioni schierate contro: il 5 dicembre 2014, in Serie B, la Ternana espugna il terreno di gioco del "Comunale" grazie al gol di Gavazzi. È l'anno della promozione in serie A e i canarini si riprendono la rivincita con lo stesso punteggio nella gara di ritorno allo stadio "Liberati".

Tredici sfide, dicevamo, con il bilancio in favore del Frosinone che ne ha vinte 6, pareggiate 4 con l'identico risultato di 1 a 1, e perse sempre 4. Un altro dato: delle nove gare che hanno visto il successo di una delle squadre, le formazioni sconfitte non hanno mai fatto gol. In tutto ne sono stati segnati 29, 14 dai canarini. Delle sfide tra le due formazioni, ci piace ricordare le seguenti: nella prima, giocata alla vigilia di Natale 1950 al "Liberati" e vinta dalla Ternana 2 a 0, in maglia giallazzurra giocava nel ruolo di mediano Sandro Ciotti, il popolare e famoso radiocronista deceduto anni addietro. Dal primo incontro saltiamo al penultimo e precisamente al 28 aprile 2015 quando i canarini, lanciati verso la promozione in serie A, andarono a vincere allo stadio "Liberati" per 1 a 0. L'importantissimo gol partita venne firmato da Frara, dopo sette minuti di gioco, che aveva giocato tre campionati con la Ternana, prima di approdare al Frosinone, e a Terni sposato una giovane del posto. Il gol del capitano fece impazzire il migliaio di tifosi canarini al seguito della squadra.

Per concludere riportiamo i nomi dei canarini che hanno fatto gol nelle tredici sfide: Benassi, Petrella, Del Sole, Lazzarini (rigore), Cristini, Vigna, Neri, Surina, Frara e Ariaudo. La mezzala Amos Neri con 3 gol è il bomber. In Coppa Italia quattro gli incontri: una vittoria ciascuno (6 a 0 quella canarina) e due pareggi 1 a 1. Quest'ultima gara, giocata il 28 agosto 1996 allo stadio "Liberati", venne poi vinta ai calci di rigore dalla Ternana 5 a 3, dopo che Antonio Colagiovanni aveva sbagliato il penalty del 4 a 4.