Nemmeno il tempo di godersi la splendida vittoria sul Verona, lasciato cinque lunghezze indietro in classifica, e il primo posto irrobustito dai tre importanti punti conquistati nella sfida di vertice, che Daniel Ciofani e compagni sono tornati in campo ieri pomeriggio per preparare la trasferta di Perugia, in calendario domani sera alle ore 20,30. Un po' di tempo, invece, lo abbiamo noi per dilungarci in qualche considerazione che evidenzia il cambiamento di passo che la squadra di Pasquale Marino ha fatto dal momento in cui il tecnico ha ritenuto di apportare una sostanziale modifica all'assetto tattico della squadra.

Al punto che, se consideriamo i punti conquistati nel girone di andata dopo le prime sei partite, ci accorgiamo che i canarini dopo il giro di boa ne hanno ottenuti cinque in più. Se poi andiamo ancora indietro e ci fermiamo alla classifica dopo il 27° turno del campionato 2014/2015, quello della promozione in A, notiamo che la squadra di Roberto Stellone era in sesta posizione con 41 punti dietro Carpi (52), Bologna (47), Livorno (43), Vicenza (43) e Avellino 42. In quello attuale, invece, il Frosinone sta camminando con un una media di 1,88 punti a partita che assicura il raggiungimento di quota 80.

Turnover in vista a Perugia

Ma torniamo ai canarini che sono concentrati per ottenere il massimo dalla trasferta di Perugia e al loro tecnico Pasquale Marino che, per forza di cose dovrà ricorrere al turnover per presentare in campo una formazione più fresca di energie. Nella intervista di fine gara, il mister ha ammesso che effettuerà tre o quattro cambi dopo aver valutato molto attentamente la situazione, non solo per quanto concerne la condizione atletica dei singoli. In quali ruoli potrebbe esserci il ricambio dei titolari? Cominciando dalla difesa, possiamo ipotizzare il ritorno in formazione di Riccardo Fiamozzi con Matteo Ciofani che potrebbe prendere il posto di Emanuele Terranova, che ha giocato tre partite dopo una assenza abbastanza lunga dai campi di gioco, o di Luka Krajnc.

Un altro interrogativo si pone sul titolare del ruolo di esterno sinistro: Marino concederà un turno di riposo a Mazzotta per richiamare in squadra Crivello? A centrocampo, fermo restando Maiello, Gori potrebbe far rifiatare Sammarco, che sta tirando la carretta dall'inizio del campionato, mentre per la mezz'ala sinistra Soddimo dovrebbe di nuovo far staffetta con Kragl o Frara. Bisognerà soltanto vedere partirà dal primo minuto. In attacco potrebbe essere la volta di Benjamin Mokulu ma è difficile prevedere chi resterà fuori tra Federico Dionisi, che è sulla soglia della diffida, e Daniel Ciofani.

Ma può anche accadere che Marino si affidi ancora sulle qualità tecniche e agonistiche dei due bomber per effettuare, magari, un cambio nel corso della partita. Stamane, comunque, il tecnico sarà in conferenza stampa per fare il punto della situazione.