Sora 3
Padova 2

Biosì Indexa Sora
Gotsev 15, Kalinin 8, Rosso 19, Mattei 5, Seganov 4, Miskevich 27, Santucci (L); Marrazzo, Sperandio. Non entrati: Corsetti (L), Tiozzo, Lucarelli, Mauti, De Marchi. Coach: Maurizio Colucci.
Kioene Padova
Zoppellari 1, Giannotti 17, Maar 18, Volpato 9, Averill 2, Fedrizzi 16, Balaso (L); Shaw 2, Koncilja 3, Milan 1. Non entrati: Bassanello, Link, Sestan. Coach: Valerio Baldovin

Parziali: 25-20, 22-25, 23-25,
26-24, 15-11
Arbitri: Cerra-Zavater.
Note: Durata: 24', 28', 27', 30', 21'. Tot. 2h 10'. Spettatori: 873.
Statistiche: Servizio: Sora errori 20, ace 11; Padova errori 23, ace 4. Muro: Sora 9, Padova 9. Ricezione: Sora 41%, Padova 49%. Attacco: Sora 52%, Padova 52%.

Non ci sta il Sora ad arrendersi. Resta aggrappato con le unghie ai playoff Challenge battendo al termine di una gara lunga e faticosa Padova, trascinando la squadra veneta a Gara 3, che si giocherà alla Kioene Arena.
L'accesso ai quarti verrà deciso mercoledì prossimo.
I patavini al PalaGlobo si sono disuniti nei momenti cruciali, specie nel quarto set quando dal 21-23 la Biosì ha chiuso 26-24 sfruttando la buona serata degli ex Rosso e Mattei, decisivi in varie occasioni.
Nella sagra degli errori (23 al servizio per Padova e 20 per Sora), la Kioene ha faticato a trovare punti di riferimento, sfruttando per lo più le imprecisioni avversarie. La Calzedonia Verona dovrà attendere ancora qualche giorno per capire chi sarà la prossima sfidante.
Il primo mini break è di Padova che va sul 10-12 sfruttando il muro di Averill e l'attacco vincente di Maar. La reazione dei padroni di casa arriva al servizio, con Rosso e Mattei che portano il punteggio sul 17-15 costringendo coach Baldovin a richiedere time out. L'ex padova non si ferma e fa terra bruciata in battuta. La Kioene non riesce più a recuperare e il muro su Fedrizzi chiude il primo set 25-20.
Secondo set dove il neo entrato Milan fa la differenza al servizio, consentendo a Padova di andare sul 17-20. Giannotti trova il 22-24 ed è sempre lui a chiudere.
Il terzo parziale inizia con Shaw ancora in campo per Zoppellari. Volpato ben cercato e Maar sono i protagonisti del finale: 23-25.
Il quarto set inizia in salita, con Gotsev a spingere al servizio trovando il 5-1. Sull'8-4, Giannotti picchia duro (8-7). Accelerano gli ospiti fino al 21-23 ma capitan Rosso ribalta la situazione e con un ace chiude 26-24.
Padova va nel pallone e l'inizio del tie break vede Sora avanti 3-1 con la difesa patavina non concentrata. Si lotta punto a punto ma il finale è di marca Rosso/Gotsev con i padroni di casa che chiudono il match 15-11.
A guidare il Sora, dopo l'esonero di Bruno Bagnoli, coach Maurizio Colucci. Il quale al termine del match ha detto: «Buona partita tra due squadre che non si sono risparmiate, equivalendosi per tutta la durata della gara. Da parte nostra c'è stato un inizio altalenante, complice l'importanza della posta un palio. Quando però ci siamo sciolti, siamo riusciti ad andare avanti con tranquillità. In alcuni momenti del terzo e del quarto set abbiamo peccato un po' in ricezione, merito dell'efficacia della loro battuta. Mercoledì mi aspetto una partita ugualmente intensa, adesso dobbiamo solo pensare a recuperare le energie fisiche e mentali per arrivarci al meglio. Un plauso ai ragazzi, per quanto di buono hanno fatto fino ad oggi».