Fallisce a Barcellona in Sicilia la "mission impossible" della Bpc Cassino che torna a mani vuote dalla lunghissima trasferta e si vede agganciare dagli avversari al quarto posto della classifica del Girone C, a quota 26. La squadra di casa, con coach Consoli in panchina, dal canto suo ripete la prestazione esibita nel 2016 in Ciociaria e si porta sul 2-0 nei confronti diretti. È davvero in un grande momento di forma il team siciliano che deve fra l'altro ancora recuperare l'incontro con la Vis Nova Roma. Al PalAlberti, applauditi dall'inizio alla fine, i ragazzi di coach Milan Nisic, out per provvedimento del Giudice Sportivo, hanno approcciato alla grande l'incontro riuscendo poi a gestire il tentativo di rimonta della Virtus che non si è data mai per vinta riportandosi spesso vicino ma senza mai riaprire veramente la contesa.

La cronaca

Il Barcellona si rende protagonista di un'ottima partenza riuscendo dopo 5' a raggiungere un vantaggio consistente (17-8). Cassino recupera pian piano (17-14), ma il capitano Sereni con un gioco da tre scrive 20-14. Stringe la maglie in difesa la squadra guidata per l'occasione dal vice coach Mattia Consoli e costringe Cassino a forzare da tre. Scelta sbagliata perché i siciliani corrono in transizione e allungano fino al +16 (33-17). Nella seconda parte del parziale, tanti errori da una parte e dall'altra con la Bpc di Luca Vettese che si mette a martellare e a recuperare qualche punticino, troppo poco per impensierire l'ex Grilli e compagni che accelerano ancora e fissano il parziale sul 39-25. Al rientro dagli spogliatoi sale di tono la difesa cassinate che sbarra la strada del canestro ai siciliani per oltre tre minuti rientrando in gara (39-32). Dopo il time out di Consoli il Barcellona riprende in mano le redini della gara e sale ancora in doppia cifra (43-32). La gara resta comunque aperta perché i lupi rossoblù le provano tutte mentre i loro avversari sembrano adagiarsi un po' troppo. La truppa di Vettese punisce così con un Bagnoli in grande serata e nel pitturato comincia a macinare punti fino al -4 (46-42). Ancora il centro del Cassino a colpire, Giampali ad inventare, poi ancora Grilli e Teghini dalla media per il +7 (55-48). Segna Sergio ma l'ex di serata non ci sta: +9 (61-52) a 6' dalla fine. Time out e nuovo assalto della formazione ospite. Ma una bomba di De Angelis consente al Barcellona di tornare ancora in doppia cifra di vantaggio e questa volta con meno di 3' sul cronometro, a gestire (66-56) i ritmi concedendosi il lusso di veder rientrare per l'ultima volta il Cassino, fino a due possessi (69-65). La formazione di capitan Del Testa ha dato tutto e ormai il cronometro corre. Non riesce a salire ancora e lascia i due punti su un parquet storicamente avverso: l'incontro si chiude sul punteggio di 71-65.

Il tabellino

Barcellona: Grilli 15 (4/6, 1/6), Sereni 12 (6/10, 0/1), De Angelis 11 (3/4, 1/5), Paunovic 9 (3/4, 1/5), Teghini 9 (1/2, 2/3), Rodriguez 8 (2/5, 1/4), Brunetti 5 (1/4, 1/2), Stefanini 2 (0/1, 0/0), Ippedico 0 (0/0, 0/0), Piperno 0 (0/0, 0/0), Varotta 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10/13
Rimbalzi: 30 3 + 27 (David Paunovic 7)
Assist: 15 (Yancarlos Rodriguez 4)
BPC Virtus Cassino: Bagnoli 20 (5/14, 0/0), Marsili 9 (3/5, 1/2), Valesin 8 (1/6, 1/4), Birindelli 8 (4/6, 0/1), Giampaoli 8 (0/3, 1/2), Sergio 6 (2/3, 0/2), Del Testa 2 (1/3, 0/5), Quartuccio 2 (1/2, 0/3), Potì 2 (1/2, 0/1), Serra 0 (0/0, 0/0), Fabio 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 20/23
Rimbalzi: 46 13 + 33 (Simone Bagnoli 11)
Assist: 1 (Duilio Ernesto Birindelli 1)
Parziali: 20-14, 19-11, 10-19, 22-21
Arbitri: Gonella di Genova e Cassinandri di Bibbiano