Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Cultura e imprese: connubio vincente
Proficuo convegno in aula consiliare

Veroli

Più cultura, più impresa: connubio fortunato per la crescita del territorio. Se ne è discusso ieri mattina nell’aula consiliare di Palazzo Mazzoli

La crisi attanaglia la piccola e media impresa, l’unica salvezza viene dalla cultura. Investire sul patrimonio culturale di un territorio aumenta la domanda e produce offerta. È durante i Fasti che la maggior parte delle attività commerciali del centro storico ammette di ricevere un’importante boccata di ossigeno. Sull’esempio della manifestazione verolana, nasce così l’idea di creare un tavolo di lavoro con i principali enti istituzionali della provincia di Frosinone. Ma il convegno di ieri è solo il punto di partenza. A fare gli onori di casa c’era il sindaco Simone Cretaro. «La crescita culturale di un territorio –ha dichiarato il primo cittadino- va ad incidere positivamente sugli stili di vita della gente aumentando la domanda. Quello che ancora manca è la capacità di fare sistema. Invito perciò le altre amministrazioni a lavorare in questa direzione». Un convegno organizzato dal consorzio Asi, ieri rappresentato dal presidente Francesco De Angelis. «La cultura è oggi l’industria più significante del nostro Paese –ha sottolineato De Angelis- come Asi pensiamo, ad esempio, a progetti legati al tema della bellezza delle aree industriali. Dobbiamo rendere appetibile il territorio così da favorire investimenti». E sul tema è intervenuto anche Guido D’Amico, componente della giunta camerale Cciaa. «La Camera di commercio è molto attenta alle esigenze di questo territorio –ha dichiarato D’Amico- è chiaro che il connubio cultura/impresa diventa difficile alla luce della crisi che allontana il sistema culturale da quello industriale. Ma non sempre è così e lo spunto viene proprio dai Fasti che hanno permesso alle attività commerciali locali di fare cassa. La cultura se sapientemente spesa sul territorio rappresenta un volano economico importante». Presente ieri a Veroli anche Francesco Mosillo, vicepresidente Cosilam. «La creazione di ricchezza attraverso la cultura –ha dichiarato Mosillo- implica una progettualità oltre alla capacità delle amministrazioni di creare una rete che esalti tutte le bellezze della Ciociaria». Illuminante la lezione del professor Vincenzo Formisano della Banca popolare del cassinate. «Più cultura, più impresa più sviluppo: su questa affermazione dobbiamo costruire il nostro futuro –ha esordito l’illustre accademico- l’obiettivo dell’impresa non è più fare profitto ma creare valore che dura nel tempo e produce “portatori di interesse”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400