Si terrà sabato 2 gennaio 2016, alle ore 19.00 presso la Chiesa SS. Assunta di Villa Latina, il concerto del Sestetto Consort. Organizzato dal Comune di Villa Latina e dalla Proloco A. Valente insieme all'Associazione Calamus di Picinisco, con il patrocinio della Parrocchia Ss. Annunziata e dell'Associazione Giovani Arper, con il supporto della Banca Popolare del Cassinate, l'appuntamento sarà l'occasione per ascoltare una formazione di grandissimo spessore artistico e degustare inoltre i piatti tipici del nostro territorio. Il sestetto Consort, formato dai maestri Bruno Lombardi al flauto, Nadia Rossi al flauto, Dionisio Gualdini al fagotto, Claudio Nardecchia al basso e Giuseppina Antonucci al pianoforte, vedrà come ospite speciale la soprano Eleonora Caliciotti.

La formazione nasce nel 2012 dall’incontro tra il Quartetto Consort  e il M° Bruno  Paolo Lombardi, già flautista e ottavino dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino. Per l’originalità, la particolarità del repertorio e per l’intesa musicale tra i  componenti, il gruppo   è   stato  invitato a suonare presso importanti  istituzioni e rassegne musicali .  I membri del Quintetto alternano l’attività cameristica, alle  collaborazioni con prestigiose formazioni e orchestre  italiane e straniere. Sono stati singolarmente premiati in  numerosi concorsi nazionali e  internazionali tra i quali Stresa, Capri, Roma Aventino, Aram, Viareggio ed hanno effettuato registrazioni per la Rai, Edipan, Musikstrasse, Radio Vaticana,  Canale 5, Emi   Publishing,  Ares. Un sodalizio tra musicisti legati dalla stessa passione e da una rara empatia umana e professionale che si è rivelata  molto importante per esprimere al meglio  l'affinità musicale che li unisce. La voce del quintetto è quella del soprano Eleonora Caliciotti.

NAPOLI - BUENOS AIRES è la  nuova proposta del SESTETTO  Consort  e  nasce dall’idea di dedicare al vasto repertorio  della canzone napoletana e al tango argentino un omaggio sincero e inconsueto.  Quando nell’Ottocento  dal porto di Napoli partivano i nostri emigranti trasportavano un ospite assai speciale: la musica, veicolo di storia ed emozioni, che diventa prezioso strumento di comunicazione e ha creato  un misterioso filo rosso che lega Napoli a Buenos Aires. Per informazioni è possibile consultare il sito dell'Associazione Calamus www.calamusit o visitare la sua pagina Facebook. 

L'ingresso al concerto è gratuito.