Un appuntamento musicale di grande fascino in attesa del Natale. È il “Concerto di Natale” del pianista Camillo Savone, organizzato dal Comune di Frosinone con l’impegno delle delegata al centro storico Rossella Testa, che si terrà sabato 17 dicembre alle 18.30 nella cattedrale di Santa Maria Assunta a Frosinone.

L’esibizione del Maestro fa seguito all’evento di giugno scorso con l’Omaggio alla luna in largo sant’Ormisda che ha riscosso un notevole successo di pubblico e di critica per l’elevata qualità della performance: «Si tratta - ha detto il Maestro Camillo Savone - di un concerto pianistico totalmente basato sull’improvvisazione e la rielaborazione personale delle più note melodie natalizie, a partire dagli spirituals fino ad oggi, insieme a mie pagine originali di musica sacra edite molti anni fa. Non è un concerto tradizionale, ma un progetto che propone un momento alto di ascolto emotivamente unico, cercando “musica inaudita” cioè mai ascoltata prima in questa forma e mai duplicabile dal vivo il giorno dopo. Il concerto per me, nell’era di internet e con questa valanga di suono ovunque e a ogni ora, deve essere anzitutto un’oasi dove ritrovare se stessi, un’occasione unica per cui valga la pena spostarsi e divergere dal quotidiano affare, per risuonare insieme, pubblico e pianista, su percorsi ogni volta ignoti e scaturiti proprio a causa di questo incontro. Un concerto di tutti, pianista e pubblico insieme. Tra qualche settimana saranno cinquant’anni che studio, ascolto, e suono ogni giorno, per me è un traguardo importante e spero lo sia anche per il pubblico».

Camillo Savone ha iniziato a suonare a cinque anni studiando privatamente fisarmonica, chitarra, basso e altri strumenti. A dieci anni entra al Conservatorio Licinio Refice di Frosinone appena nato dove si diploma in Pianoforte col massimo dei voti, in Didattica e dove studia Musica jazz, Composizione, Direzione di coro. Si perfeziona poi con grandi interpreti italiani e stranieri e intraprende una carriera concertistica vivace e variegata fino al 1991, in Europa e Russia. Ha suonato più volte davanti a Papa Giovanni Paolo II, proponendo anche sue composizioni, e a Capi di Stato e di Governo. Per la sua attività è premiato più volte con riconoscimenti in Italia e all’estero. Insegna da trent’anni Pianoforte nella Scuola ad Indirizzo Musicale.