Mercoledì 18 maggio, alle 18.30, ricorrente il centenario della morte di Norberto Turriziani, avvenuta durante la Prima Guerra Mondiale a Cima Campiluzzi in Trentino Alto Adige, sarà inaugurato, alle ore 18.30, l'artistico "Murales" realizzato dal Maestro Alberto Spaziani in via Alcide De Gasperi, dopo i famosi "Piloni", sulle pareti esterne prospicienti la scalinata che conduce a corso della Repubblica, in prossimità della biblioteca comunale (che porta il nome del'eroe di guerra frusinate) e la sede dell'Associazione "Centro InterArte Pubblica e Popolare".

Il murales è stato dedicato proprio al benemerito concittadino Norberto Turriziani per doveroso omaggio, in quanto la famiglia, all'epoca, tra gli anni Dieci e Venti del secolo scorso, donò alla cittadinanza di Frosinone anche la sede del Lice Ginnasio e dell'attuale biblioteca comunale.

Nel contesto scenografico del murales, rappresentante il territorio della Ciociaria, il maestro Spaziani ha opportunamente inserito, oltre al monumento all'eroe, sei personaggi che hanno lasciato alla città, con la propria opera, una testimonianza culturale, storica e sociale. Personaggi comunque molto noti ai frusinati che, da una rosa di 36 nominativi, hanno prescelto, con una selezione pubblica: Giuseppe Bonaviri, scrittore e poeta internazionale; Paolino Colapietro, scrittore e poeta dialettale; Adolfo Loreti, pittore; Antonio Perruzza, poeta, scrittore, poeta dialettale, fondatore del famoso giornale satirico "Uiente Acuolone" e autore del primo dizionario del dialetto ciociaro di Frosinone; Domenico Purificato, pittore e decoratore della sala di rappresentanza della prefettura e Giancarlo Riccardi regista, scultore e illustratore vignettista.