Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Apre i battenti l'edizione 2016 di CassinoOff: Haber e Bukowski, un’anima unica

Alessandro Haber

0

Apre i battenti l'edizione 2016 di CassinoOff: Haber e Bukowski, un’anima unica

Cassino

Haber non legge Bukowski. Lo incarna, come un’anima unica. Poi, con disinvoltura e talento, ne indossa i panni. Un maestro che racconta un altro maestro. Anzi lo lascia vivere e rivivere. Una “poesia” che descrive più che interpretare. Haber è l’uomo giusto per lo scrittore giusto.

Alessandro Haber interpreta, recita, canta ma, soprattutto, vive i testi e le poesie originali di Charles Bukowski. Così “Haber legge Bukowski”- l’evento che apre il festival del teatro civile di CassinoOff domani sera alle 21 all’aula Pacis - diventa una serata unica, candidata a emozionare, a far soffrire, sorridere e divertire il pubblico che assaporerà Bukowski sotto una nuova luce, dagli irriverenti toni beat/bukowskian.

«Una scrittura così secca e personale, che mi coinvolge. Pubblicò il primo libro a cinquant’anni, dopo una vita ai margini, senza cedere a compromessi, un piccolo don Chisciotte girovago, un rivoluzionario contro perbenismo e ipocrisia». Dice Alessandro Haber di Bukowski. E lui, l’attore dai mille ruoli, si sente a casa con Bukowski. La vita, le emozioni, lo stile, la sregolatezza, l’incontro tra il disordine e la sinfonia dell’essere, la forza dei sentimenti più naturali balenano in ogni parola, frase o concetto. Lo scrittore americano ama il suo lavoro, è profondo, vero, un po’ disordinato, ma corretto. Proprio come Haber.

Haber/Bukowski: una simbiosi nota al pubblico ma l’attore è capace di sorprende ogni volta: ne indossare gli abiti per farlo rivivere in tutta la sua verità, mentre porta in scena, anche e soprattutto se stesso. CassinoOff è questo: un teatro contro perbenismi e ipocrisie, un teatro che parla, racconta, grida e che tiene accesa sempre la sua attenzione sul nostro tempo. Alessandro Haber, Iaia Forte (in Un bacio, di Ivan Cotroneo) Ulderico Pesce e Andrea Satta (in La Fisarmonica verde), Fabrizio Saccomanno (in Gramsci. Antonio detto Nino) saranno alcune delle voci che risuoneranno nei luoghi del Festival.

Ma CassinoOff è anche un’invasione civile e partecipata della città: la rocca Janula, la biblioteca comunale Malatesta, la casa circondariale, il teatro Manzoni e il Civico Sociale (trattoria della legalità) saranno attraversati da serate musicali, performance di danza e molto altro. E alla sua quinta edizione il Festival del Teatro Civile CassinoOff - organizzato dall’Associazione CittàCultura e diretto da Francesca De Sanctis - inaugura la “stagione” con un grande attore e uno dei più apprezzati scrittori del ‘900. I complimenti arrivano anche dall’assessore alla cultura del Comune di Cassino Danilo Grossi: «CassinoOff riparte con i soliti ed elevati standard di qualità che gli appartengono». C’è attesa, dunque, per il grande evento. Un’autentica “magia” letteraria e teatrale. Per tutti l’appuntamento è alle 21, domani sera, all’aula Pacis di Cassino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400