Svincolo Fiura-Gaudo-Badia sulla Statale 155, un innesto fondamentale da realizzare per la sicurezza, e finalmente ci siamo. Appaltato il cantiere e come primo atto via ai pagamenti degli espropri. Oltre quindici anni di attesa per la conclusione di un iter infinito, ma ora a dare l'annuncio è direttamente l'assessore ai lavori pubblici Roberto Gizzi, che prosegue nella sua azione di definire quei progetti spesso dimenticati dalla burocrazia. «Ci siamo - afferma l'assessore - a primavera dopo sedici lunghi anni sboccerà lo svincolo via Fiura - Gaudo - Badia. Termina così un iter progettuale e burocratico dalle mille insidie. La ditta aggiudicatrice della gara ha già fatto un sopralluogo per l'area cantiere. Ricordo che il costo dell'opera è di circa 300mila euro e in questi giorni si sta provvedendo al pagamento degli espropri, tutti avvenuti con cessione bonaria da parte degli interessati, che hanno agevolato lo svolgimento delle procedure». Gizzi torna sui lavori. «Si tratta di un'opera di un'importanza vitale per la riqualificazione di tutta la periferia pedemontana a est di Alatri. Infatti questo accesso garantirà un ingresso alla vasta zona dalla statale in condizioni di sicurezza. Per me è motivo di orgoglio, per sei anni vi ho dedicato tempo dal mio primo giorno di insediamento come titolare dei lavori pubblici. Voglio ringraziare il presidente della provincia Antonio Pompeo e l'architetto Gianni Coccia, che con spirito territoriale ha rinunciato a gran parte della parcella pur di fare l'opera. Forse non sarò ricordato come un assessore per aver costruito qualcosa di nuovo, ma sicuramente sarò ricordato per aver messo fine ad opere progettate e pensate decine di anni fa».