Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









In pista il Kart a impatto zero: il progetto G-SIDE sviluppato in sinergia con Unicas
0

In pista il Kart a impatto zero: il progetto G-SIDE sviluppato in sinergia con Unicas

Qui Sette

L’ elettrico entra nel mondo delle corse grazie al progetto GSide delle facoltà di Ingegneria e Scienze Motorie dell’Università di Cassino. Ci hanno lavorato oltre 50 studenti ed è stato portato avanti in sinergia fra l’Uniclam e i suoi partner ufficiali: Officine in Progress - Oip Motorsport (partner di progetto), Bar Engineering (partner tecnico), Vroom (media partner) e Circuito Valle del Liri (partner operativo). Protagonisti assoluti saranno i due kart elettrici da competizione, “i primi realizzati a livello europeo, sviluppati - spiega il professore Giuseppe Tomasso, responsabile del progetto - presso il Lai, Laboratorio di Automazione Industriale».

Il progetto GSide Racing entra finalmente nella sua fase operativa: sarà in pista il 10 aprile presso il Circuito Valle del Liri ad Arce per i test ufficiali. Gli oltre 50 studenti che hanno aderito al progetto vivranno un primo stage in pista, che prevede delle sessioni tecniche e delle prove di durata e velocità svolte direttamente sul circuito arcese.

I test saranno gestiti dallo staff di Officine In Progress, azienda partner di GSide Racing che nel progetto si occupa dello sviluppo dei kart elettrici sfruttando tecniche innovative con l’analisi dati e telemetria messa a punto dal team Oip Motorsport; sul circuito anche i giornalisti di Vroom, la rivista internazionale specializzata di settore.

«L’elettrico non permette più improvvisazioni; per questo, sia nell’autoriparazione sia nel motorsport – spiega Andrea Saccucci, responsabile di tecnica e didattica Oip - è necessario essere costantemente formati ed informati sulle innovazioni tecnologiche». Per i team degli universitari coinvolti si prospetta una importante occasione di formazione ad alti livelli, che darà loro la possibilità di conoscere tutti i segreti della telemetria. «Grazie a questa attività di analisi - conclude Saccucci - è possibile comprendere e migliorare il comportamento dinamico del veicolo, del motore, del pilota, in quei punti dove i “classici” dati strumentali usati fino ad oggi non riescono ad arrivare». Dai banchi alla pista, a impatto zero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400